Sea: il bilancio 2020 subisce l’effetto Covid con un rosso da 128,6 milioni di euro

C’è tutto il peso della crisi scatenata dalla pandemia nel mondo del trasporto aereo nell’ultima riga di bilancio 2020 della Sea. La società di gestione degli aeroporti di Milano Linate e Malpensa ha registrato infatti per lo scorso esercizio una perdita di 128,6 milioni di euro, rispetto all’utile di 124,4 milioni dell’anno precedente. Un risultato  [...]→ Leggi alla Fonte

Digital Green Pass entro giugno: l’Ue dice sì alla procedura d’urgenza

Digital Green Pass sempre più vicino a diventare realtà entro l’estate grazie ad un iter di approvazione che seguirà la “procedura d’urgenza”. La richiesta, avanzata la scorsa settimana in occasione della presentazione del pass, è stata votata ieri dal Parlamento europeo. Il pass è uno “strumento utile e non discriminatorio” per consentire di riaprire “in [...]→ Leggi alla Fonte

Il Portogallo conquista il primo gradino del podio “European Best Destinations”

Portogallo sul primo gradino del podio assegnato dagli utenti del sito web European Best Destinations. Braga, Porto, le spiagge di Cascais e Algarve, Madeira e le Azzorre, sono luoghi da non perdere secondo gli oltre sei milioni di users all’anno: l’European Best Destinations ha raccolto dati sul traffico e ricerche degli ultimi mesi per creare una classifica dei migliori paesi da [...]→ Leggi alla Fonte

Il business travel secondo Moody’s: ripresa nel 2024, ma i vettori cambieranno strategia

Che i viaggi d’affari siano destinati a cambiare volto, almeno in parte, a distanza di oltre un anno dallo scoppio della pandemia è ormai una realtà. A mettere in risalto come le compagnie aeree siano direttamente coinvolte da questo cambiamento è anche una tra le più quotate società di rating come Moody’s. In una recente [...]→ Leggi alla Fonte

“Il sorpasso”. L’editoriale del nuovo DOVE di aprile, oggi in edicola

A tutto gas. “A me er ciclismo numm’è piaciuto mai, per carità… è ‘no sforzo antiestetico, ingrossa le cosce, è meglio er biliardo…“. La spider Lancia Aurelia B24 di Bruno Cortona – interpretato da uno straordinario Vittorio Gassman – lanciata a tutta velocità, è l’icona del grande cambiamento di una società. E lungo la strada sorpassava ciclisti, contadini, sperando di asfaltare per sempre il dopoguerra, il passato agricolo, lanciandosi nel boom economico dell’era neo-industriale.

Uno scorcio della strada Gardesana Occidentale. Foto: Francesco Iacomino/AWL Images
Uno scorcio della strada Gardesana Occidentale. Foto: Francesco Iacomino/AWL Images

Il sorpasso, del 1962, di Dino Risi, è un capolavoro della storia del cinema italiano, con Vittorio Gassman e un giovane Jean-Louis Trintignant, nei panni dello studente di legge Roberto Mariani, compagno casuale di un viaggio in auto nel giorno di Ferragosto lungo l’Aurelia.

Padre di molti road movie (anche Dennis Hopper ammise di essersi ispirato per il suo Easy Rider), la pellicola regala, con sguardo cinico e amaro, un viaggio sociologico e antropologico in un momento di forte cambiamento del Paese. E i due protagonisti sono due simboli della ricerca della nuova identità: Bruno, spavaldo e arraffone, quarantenne eterno adolescente, incarna la nuova energia arrogante del boom degli anni Sessanta, e Roberto, timido e riservato, figlio della società contadina, è il simbolo dei valori sani e profondi del passato che non riescono ancora a trovare nuova cittadinanza nell’Italia dei frigidaire e dei clacson strombazzanti delle spider.

Sempre più green. A quasi sessant’anni di distanza abbiamo, ancora una volta, un nuovo Paese da raccontare: non il dopoguerra da gestire, ma la pandemia e il post-Covid-19; non il boom economico, ma la trasformazione digitale e le risorse del Recovery Plan.

Un buon materiale per scrivere un nuovo road movie. A bordo di modelli sempre più ecologici che, tra telecamere, sensori di collisione, app di navigazione, infotainment, sembrano uscire da un fumetto di fantascienza.

“A Robe’, metti sto disco che divertiamo il villico”: nel 1962, come botta di lusso e modernità, Gassman brandiva nella spider un 45 giri in vinile. Oggi non siamo lontani dalle auto che guideranno da sole.

Sulla strada. Il fascino cinematografico, letterario del viaggio on the road quest’anno si immerge nel bisogno di sicurezza e di distanziamento: ecco allora un buon momento per sentirsi liberi di vivere davvero la strada come “il viaggio”. In questo numero di Dove (appena si potrà) vi offriamo una serie di proposte, dal lago di Garda a Matera, ma anche in Germania, sulla via romantica dei Castelli, o tra i colli delle valli piacentine: strade come location di un film che vale la pena di girare.

Ma non sarà stato un caso che nella stessa edizione troverete il sapore di quell’Italia raccontata di Dino Risi. Il bel reportage sulle Fabbriche della memoria vi porterà nelle testimonianze dell’eccellenza industriale made in Italy. Un tuffo nei ricordi per molti di noi.

Perché alla fine non tutto, fortunatamente, si sorpassa.

In allegato a Dove di aprile: la Guida Sicilia

Guida Sicilia
Antonino Bartuccio/SIME

In edicola dal 26 marzoallegata a Dove di aprile troverete la nuova Guida Sicilia di Dove (tutto a € 9,90). Per la prima volta potrete scaricare la versione audio, disponibile in podcast sul sito Loquis.com e sull’app Loquis. È una guida sonora geolocalizzata: i racconti seguiranno i vostri passi, regalandovi emozioni incredibili.

LEGGI ANCHE: La nuova Guida Sicilia di Dove con i podcast da ascoltare in viaggio

I Longobardi in Italia  e le Valli Bresciane, in edicola con Dove di maggio

Non perdete sul prossimo numero di Dove di maggio, in edicola il 23 aprile, i due Speciali di 68 pagine in omaggio: l’Italia dei Longobardi e Brescia e le Valli bresciane.

Il primo è un percorso storico-culturale che, da Nord a Sud, attraversa i 7 luoghi del sito Unesco che custodiscono e tramandano l’eredità dei Longobardi in Italia. Il secondo è un viaggio nella natura e nei borghi, nella cultura e nella gastronomia della provincia di Brescia, tra pitture rupestri, sentieri, vie d’acqua e tradizioni che rendono unico questo territorio.

Vuoi avere DOVE sempre con te, a portata di mano?

Le grandi mete, gli itinerari fuori porta, i ristoranti, lo shopping, l’arte: tutte le informazioni pratiche e di servizio, gli indirizzi provati e garantiti, per vivere ogni mese le tendenze più interessanti. Abbonati qui per ricevere DOVE direttamente a casa, e non perdere neanche un numero della rivista.
Scarica l’app DOVE Digital Edition nell’App Store (per dispositivi Apple) o in Google Play (per dispositivi Android) per sfogliare i numeri di DOVE, le guide, gli speciali e DOVE-Corriere della Sera Travel Issue. Tutta la ricchezza delle edizioni cartacee sempre con te, a portata di mano, sui tuoi device

Dove Viaggi ©RIPRODUZIONE RISERVATA

L'articolo “Il sorpasso”. L’editoriale del nuovo DOVE di aprile, oggi in edicola sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Torna DOVE Academy: si va alla scoperta del Friuli Venezia Giulia. Chi viene con noi?

Riserve naturali, laghi e canyon spettacolari. E ancora, lagune, fiumi navigabili, parchi tematici e oltre 130 chilometri di costa che snocciolano baie rocciose, anse di sabbia candida, anfratti solitari. Fino ai tesori d’arte di Aquileia. Seguendo sempre il corso del grande fiume Tagliamento.

L’appuntamento per scoprire a 360 gradi il Friuli Venezia Giulia è con la prossima edizione di Dove Academy, dal 9 al 13 giugno: attraverseremo insieme – redazione e lettori – l’intera regione, dal verde della Carnia alle esperienze slow della laguna.
Segui gli aggiornamenti del programma su viaggi.corriere.it e su doveacademyfvg.it (online a partire dal 29 marzo), prenota da oggi su doveclub.it.

Sarà un’esperienza esclusiva, ma aperta a tutti, di giornalismo condiviso, per immergersi nella ricchezza del Nordest, a cavallo tra le Dolomiti e l’Adriatico. Piace questa regione che assicura, con i suoi grandi spazi naturali e la sua scarsa antropizzazione, la sicurezza e il giusto distanziamento che questo periodo richiede.

DOVE Academy in Friuli Venezia Giulia: appuntamento a Udine

È un mosaico di tradizioni, profumi e spettacoli naturali quello che regala il Friuli Venezia Giulia, terra di saperi antichi e nuovi. Dove il saper fare e le specialità gastronomiche hanno radici indissolubili con il territorio e le sue risorse.

Al Tagliamento, il re dei fiumi alpini, per esempio, si deve la bontà del prosciutto di San Daniele, uno tra i tanti prodotti che custodisce la Strada del Vino e dei Sapori: respira di quelle correnti fresche, che scendono dalle Prealpi carniche, e delle brezze del Sud che il fiume incanala.

Ma tante altre saranno le scoperte, gli incontri, le esperienze sensoriali da godere in questa terra che sa regalare un arcipelago di paesaggi defilati, dai pianori di montagna al litorale, ideali da vivere in questa stagione che chiede ancora distanziamento.

DOVE Academy in Friuli Venezia Giulia
Dolomiti, il Gruppo Monfalconi. Foto di Marco Milani.

DOVE Academy in Friuli Venezia Giulia: Spilimbergo, Grado, il Tagliamento

La nuova edizione di Dove Academy è un viaggio per tutti, fitto di appuntamenti e incontri che permettono di indagare le peculiarità di ogni area, dall’habitat di montagna ai maestri mosaicisti di Spilimbergo, alle botteghe del centro storico di Grado.

Un percorso che si snoda da Forni di Sopra, ai piedi delle magnifiche vette delle Dolomiti Friulane, fino al mare più limpido, e senza mai perdere di vista il Tagliamento: con i suoi 178 km di lunghezza, è  uno dei pochi, in Europa, a preservare una morfologia naturale a canali.

DOVE Academy in Friuli Venezia Giulia
Il panorama a Forni di Sopra

DOVE Academy in Friuli Venezia Giulia: il cocktail di benvenuto

Si comincia così il 9 giugno, dopo l’arrivo a Udine, con un cocktail di benvenuto, per incontrare redazione e ospiti, e dare il via alla partenza per Forni di Sopra, “bellezza alpina” che vanta un territorio, all’interno del Parco naturale delle Dolomiti Friulane, tutto da esplorare, spaziando dai ricchi ambienti del fondovalle ai 2.600 metri della Vetta di Forni, la cima dolomitica più alta.

Forni di Sopra, dal 2006 nell’associazione Alpine Pearls, è la meta estiva ideale: un paradiso per chi vuole programmare semplici passeggiate tra boschi e apprezzare la formidabile cucina del territorio nelle malghe. L’attenzione alle materie prime, la passione per i prodotti a km zero, sono i temi guida per scoprire tutti assieme il borgo di Forni di Sopra.

Camminata sensoriale e immersione nella foresta

Per ritrovare il silenzio, il piacere di un’attività all’aperto che regala armonia e benessere, ecco il 10 giugno, al mattino, la camminata sensoriale in riva al fiume completata dalla forest bathing, esperienza immersiva nella natura.

I più sportivi possono raggiungere in e-bike, nel pomeriggio, l’altopiano Pani di Raveo, un giardino a cielo aperto dalle mille sfumature che sa di antica Arcadia. La notte trascorre nella quiete di Ovaro, tra i Borghi autentici d’Italia (sono 13 in tutta la regione). Il Friuli Venezia Giulia è rinomato anche per i suoi vini.

DOVE Academy in Friuli Venezia Giulia
Il prosciutto di San Daniele. Foto Fabrice Gallina

Grazie alla varietà del suo territorio, che alterna montagne, pianure, colline e il mare, sono tanti i terroir a cui sono state dedicate le Strade del Vino. È ricca, inoltre, di prodotti dop: la visita a un prosciuttificio di San Daniele permette di scoprire i segreti di questa eccellenza gastronomica e incontrare uno dei 31 produttori che fanno parte del Consorzio della dop.

Sotto i bei portici del centro storico di San Daniele – da non perdere la chiesa di Sant’Antonio Abate, la Cappella Sistina della regione – si conosceranno, durante una visita accompagnata, i segreti delle specialità locali.

A scuola di mosaico a Spilimbergo e sulle dune dorate di Lignano

Il viaggio prosegue a Spilimbergo, celebre per la Scuola Mosaicisti del Friuli, istituzione fondata nel 1922 e ormai nota a livello internazionale per le tecniche musive, romana, bizantina e moderna. Per noi si aprono in esclusiva la Scuola e i laboratori, un archivio di saperi e creatività unici.

Sono poi le dune dorate di Lignano Sabbiadoro, la piccola Florida d’Italia, come la definì Ernest Hemingway, a regalare altre emozioni. Sulla spiaggia, infatti, la mattina del 12 giugno, sono previste attività per tutti: water nordic walking e fat sand bike.

Lignano guarda alla sostenibilità. Grazie all’aria pulita, al verde della pineta, con oltre 1.200.000 pini marittimi, e i tantissimi percorsi ciclabili, la cittadina spicca tra le mete green del Friuli Venezia Giulia, con un’attenzione particolare alla mobilità sostenibile, dal noleggio delle e-bike alle ricariche elettriche per auto installate su tutto il territorio comunale, fino alla rete di negozi plastic free.

Bike tour a Lignano Sabbiadoro. Foto Studio Aldo Sodoma

È proprio da Lignano Sabbiadoro che si parte per esplorare, in barca, quel dedalo di canali, isolotti e lingue di terra che disegnano la laguna di Marano, naturale prosecuzione di quella di Grado, un ecosistema unico.

Navigheremo attraverso la riserva Foci dello Stella fino a una palafitta sul fiume dove potremo vedere ancora in funzione un antico bilancione da pesca. Per gli amanti del birdwatching, è qui che si estendono le riserve naturali della valle Canal Novo e delle foci dello Stella.

I cavalli Camargue all’Isola della Cona. Foto IPA

DOVE Academy in Friuli Venezia Giulia: partite con noi?

Lasciarsi scivolare sull’acqua qui è un’esperienza speciale: isolotti mobili, lingue di terra sospese tra cielo e mare. Si naviga, sabato pomeriggio, 12 giugno, fino a Grado, un dedalo di calli, campielli, case in pietra.

E anche molti atelier, botteghe nascosti nel centro storico: ci aspettano per una visita guidata alla sera. L’isola della Cona e il suo habitat, paradiso dei birdwatcher, ci attendono il 13 giugno.

Oltre 300 le specie da avvistare assieme ai cavalli bianchi portati dalla Camargue. Tappa finale, i tesori di Aquileia, patrimonio Unesco, uno dei siti archeologici più sorprendenti d’Italia.

Da visitare, con una passeggiata, tutti assieme. Per condividere le bellezze della domus di Tito Macro e i tesori della basilica.

Segui gli aggiornamenti del programma su viaggi.corriere.it e su doveacademyfvg.it (online a partire dal 29 marzo), prenota da oggi su doveclub.it.

Il porticciolo di Marano Lagunare. Foto IPA

Le nostre tappe: come partecipare al viaggio

1° Giorno

Mercoledì 9 giugno: arrivo individuale a Udine e cocktail di benvenuto. Partenza per Forni di Sopra e visita, con degustazione, a un birrificio artigianale. Cena a Forni di Sopra.

2° Giorno

Giovedì 10 giugno: River trekking e camminata sensoriale lungo il Tagliamento con forest bathing. E-bike ai Pani di Raveo, degustazione in malga. Cena sensoriale con menu di montagna.

3° Giorno

Venerdì 11 giugno: San Daniele: visita alla biblioteca Guarneriana e tour-degustazione in un laboratorio di cioccolato e un prosciuttificio. Spilimbergo e la Scuola Mosaicisti del Friuli. Transfer a Lignano Sabbiadoro.

4° Giorno

Sabato 12 giugno: water nordic walking o fat sand bike. Navigazione verso la riserva Foci dello Stella e visita a un bilancione da pesca ancora attivo. Partenza con battello per Grado e visita alle botteghe.

5° Giorno

Domenica 13 giugno: visita agli osservatori dell’isola della Cona e avvicinamento ai bianchi cavalli Camargue. Transfer ad Aquileia, patrimonio Unesco: tour guidato ai suoi tesori archeologici. Pranzo in osteria.

 

Vuoi avere DOVE sempre con te, a portata di mano?

Scarica l’app DOVE Digital Edition nell’App Store (per dispositivi Apple) o in Google Play (per dispositivi Android) per sfogliare i numeri di DOVE, le guide, gli speciali e DOVE-Corriere della Sera Travel Issue. Tutta la ricchezza delle edizioni cartacee sempre con te, a portata di mano, sui tuoi device

 

Dove Viaggi ©RIPRODUZIONE RISERVATA

L'articolo Torna DOVE Academy: si va alla scoperta del Friuli Venezia Giulia. Chi viene con noi? sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Innocenti, Accor: “Nel breve vedo bene midscale e resort, poi lifestyle e co-working”

Nel breve si ripartirà dai segmenti midscale ed economy, perché più sensibili alla domanda domestica. Ma bene andranno naturalmente anche i resort, il cui trend di crescita è già confermato dal business on the book (le prenotazioni confermate) del gruppo Accor. Nel lungo periodo, però, il futuro sarà dei prodotti lifestyle, segmento su cui la [...]→ Leggi alla Fonte

Sea, Tucci: “Per luglio stimiamo volumi di traffico al 60-65% del 2019″

“Questa industria ha bisogno di certezze, a cominciare da un calendario da cui poter ripartire per programmare ulteriori investimenti”: Andrea Tucci, vp aviation business development di Sea (nella foto), commenta così il momento che sta attraversando il settore aeroportuale, a margine della presentazione di questa mattina dei piani estivi di Ryanair su Milano Malpensa. “Proprio [...]→ Leggi alla Fonte

Sempre più Sicilia per Albastar: voli per Lampedusa da quattro scali italiani

L’estate siciliana di Albastar fa rotta su Lampedusa con collegamenti garantiti da quattro aeroporti italiani: Milano Bergamo, Milano Malpensa, Parma e Verona. Un aumento di capacità che, sottolinea il direttore commerciale del vettore Giancarlo Celani, “dimostra il consolidamento delle attività di linea del vettore verso la Sicilia”. L’operativo prevede nel dettaglio voli da Milano Bergamo ogni domenica dal 30 maggio al 3 ottobre; da Milano Malpensa [...]→ Leggi alla Fonte

Hnh: aprirà il 7 aprile il nuovo DoubleTree By Hilton Rome Monti

Aprirà il prossimo 7 aprile il nuovo DoubleTree By Hilton Rome Monti, sviluppato grazie alla collaborazione tra la compagnia di gestioni alberghiere Hnh Hospitality e la società proprietaria dell’asset, Reale Immobili. Situata in piazza dell’Esquilino, nel cuore della città Eterna, la struttura è stata progettata per una clientela business e leisure, grazie anche all’intervento dello studio Thdp, [...]→ Leggi alla Fonte