Aeroporto Genova: attivo da domani il drive-through per i test rapidi Covid-19

Da domani, giovedì 26 novembre, prenderà il via il servizio di test rapidi per Covid-19 in modalità drive-through all’interno dell’area dell’Aeroporto di Genova. Il servizio, su prenotazione, sarà gestito da Casa della Salute, azienda genovese attiva nel campo della medicina e della diagnostica che gestisce otto poliambulatori tra Liguria e Piemonte. Il servizio sarà disponibile [...]→ Leggi alla Fonte

Qatar Airways Privilege Club: politica più flessibile per maggiori ricompense ai soci

Il Privilege Club di Qatar Airways ha ridotto il numero di Qmiles necessarie per prenotare voli premio fino al 49 percento. L’iniziativa fa parte del processo di trasformazione del club attualmente in corso, volta a fornire maggiori e migliori ricompense ai suoi fedeli soci. Il numero di Qmiles del Privilege Club necessarie per poter usufruire [...]→ Leggi alla Fonte

Iata, il Covid presenta il conto finale: perdite per oltre 132 miliardi di euro

Salgono a 157,2 miliardi di dollari (circa 132,4 miliardi di euro) le perdite previste per le compagnie aeree nel biennio 2020-21, secondo le ultime stime della Iata. La revisione dell’outlook per il settore, si legge in una nota dell’associazione, evidenzia che “le pesanti perdite dell’industria proseguiranno nel 2021, anche se si può prevedere un miglioramento [...]→ Leggi alla Fonte

La Francia vara una riapertura graduale, ma niente sci per fine anno

La Francia è pronta ad una riapertura graduale, ma dice no alle vacanze sulla neve almeno sino a fine anno. Lo ha spiegato ieri lo stesso presidente della repubblica, Emmanuel Macron, sottolineando come l’aver frenato la circolazione del virus consente al Paese un primo alleggerimento delle  misure di lockdown. Sull’apertura delle stazioni sciistiche “è in [...]→ Leggi alla Fonte

L’Alligatore, su Rai 2 la nuova serie tv tratta dai libri di Massimo Carlotto: trama, cast e location

L’Alligatore è una nuova serie tv crime, tratta dai romanzi best seller di Massimo Carlotto, che va in onda il 25 novembre in prima visione su RAI 2 (ma è già disponibile per il binge watching in anteprima su RaiPlay). Quattro puntate, per quattro prime serate, che esplorano un genere inedito per le fiction italiane, l’hard-boiled, trasportandoci in una Laguna Veneta fosca e ruvida.

L’Alligatore: trama della nuova serie tv

L’Alligatore è Marco Buratti, un ex detenuto e ora detective fuori dagli schemi, che ama il blues, le donne e il Calvados. Il soprannome viene dal suo vecchio gruppo, gli Old Red Alligators, di cui era cantante. Dopo essere finito in carcere da innocente, la sua vita è stravolta. Non canta più, ha perso l’amore, ma ha imparato a muoversi nella melma e nelle fosche paludi cittadine dove regna la criminalità, spinto da una “ossessione” per la giustizia. Indaga, suo malgrado, come detective molto apprezzato nel giro degli avvocati. Accetta casi difficili, talvolta impossibili. Muovendosi con disinvoltura ai limiti della legalità.

Nella sua squadra di investigatori improbabili, c’è l’ambientalista Max, detto La Memoria, il contrabbandiere milanese Beniamino Rossi con la compagna Sylvie, e Marielita, una mistica che parla con le piante. Personaggi improbabili che, però, come l’Alligatore, cercano di fare sempre la cosa giusta. Come farne a meno?

E poi ci sono le donne. Come Virna, ma soprattutto l’amore impossibile, Greta, che non lo perdona e lo accusa di aver tradito per sempre la sua fiducia, la musica. Ecco perché ora vive altrove e ama un altro. C’è poco da fare.

LEGGI ANCHE: Le migliori serie tv da vedere su Netflix, Sky e Amazon Prime Video

alligatore-serie-tv-location-laguna-veneta

Location: dove è ambientato L’Alligatore

Nella sua nuova vita anfibia l’Alligatore si muove in mondi all’apparenza opposti. Scivola tra il vero e il falso, il giusto e lo sbagliato, l’acqua della Laguna Veneta, e il mondo emerso. Seguendo il ritmo del blues. Il Veneto in questa serie tv è la “nostra” Louisiana triste, la terra delle voci roche e crude, della musica dolente. La bellissima colonna sonora, selezionata da Teho Teardo, nell’Alligatore è ritmo e sostanza. Rispecchia l’anima di Marco, scesa a patti con il dolore, e la vita dura della laguna.

“La bellezza dei canali che da Comacchio si espandono fin sopra Venezia non poteva non entrare con la sua “musica visiva” nel nostro racconto” ha dichiarato il regista Daniele Vicari. “Così dai marroni e dai verdi della laguna sono emersi i colori della fotografia di Gherardo Gossi che hanno determinato quelli della scenografia e dei costumi. Abbiamo cercato di “sentire” e “vedere” Alligatore muoversi per quei canali, nel suo ambiente naturale. Con le sorelle Vecchi, conoscitrici del mondo rock & blues che lungo il Po si è sviluppato dando vita ad una miriade di locali, di stili musicali, di “costumi” di bottiglie di Whisky e Rum scolate senza remore, abbiamo pensato costumi”.

La serie tv è stata girata tra la provincia di Padova e Venezia. Sul piccolo schermo, si riconoscono così i luoghi iconici di Padova, come l’Orto Botanico e il Castello Carrarese, la piazza delle Erbe, della Frutta e dei Signori e il Caffè Pedrocchi, il Prato della Valle e l’ex cinema Quirinetta. Non mancano casali, vigneti e ville dei Colli Euganei, l’aviosuperficie di Bagnoli di Sopra e Montegrotto Terme. E, chiaramente, la Laguna di Cavallino, il Delta del Po, e località come Porto Viro e Albarella.

LEGGI ANCHE: La laguna di Venezia: isole, pescatori e antichi sapori

L’Alligatore, il cast

A vestire i panni di Marco Buratti detto “Alligatore”, è Matteo Martari, già visto nelle fiction Tai nei panni di Luigi Tenco in Fabrizio De Andrè – Principe Libero e del magistrato Buffardi ne I  bastardi di Pizzofalcone. Martari è veneto, cresciuto immerso in quei paesaggi in cui è ambientata la serie tv ed ha pescato nella laguna tutta l’energia e il “marcio” necessari per dare al suo personaggio il vitalismo e la malinconia con cui Carlotto ha tratteggiato Marco Buratti.

Protagonisti con lui, Thomas Trabacchi, che interpreta Beniamino Rossini, Valeria Solarino che è la bellissima cantante Greta, amore della vita di Buratti, mentre Gianluca Gobbi è Max “La Memoria”. E, ancora, Fausto Maria Sciarappa nel ruolo di Castelli, Eleonora Giovanardi in quello di Virna, Shalana Santana nelle vesti di Marielita e Andrea Gherpelli in quelle di Pellegrini.

LEGGI ANCHE: Elegia Americana, il nuovo film di Ron Howard con Glenn Close

L’Alligatore è una coproduzione Rai Fiction – Fandango, prodotta da Domenico Procacci per Fandango, con la supervisione artistica di Daniele Vicari, regia di Daniele Vicari e Emanuele Scaringi. Le sceneggiature sono di Andrea Cedrola, Laura Paolucci con la collaborazione di Massimo Carlotto che insieme hanno firmato anche il soggetto di serie e i soggetti di puntata. I romanzi dell’Alligatore di Massimo Carlotto sono editi in Italia da Edizioni e/o.

Per vedere la serie tv L’Alligatore su RaiPlay: raiplay.it/programmi/lalligatore

Leggi anche

L'articolo L’Alligatore, su Rai 2 la nuova serie tv tratta dai libri di Massimo Carlotto: trama, cast e location sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Si è concluso il Festival IT.A.CÀ 2020: dal turismo responsabile la strada per un nuovo modello di economia

È stata complessa ma allo stesso tempo stimolante l’edizione 2020 di IT.A.CÀ migranti e viaggiatori, Festival del Turismo Responsabile in Italia, di cui DOVE è media partner, che si è conclusa ad Acerra il 15 novembre. A confermarlo è Sonia Bregoli, co-fondatrice e coordinatrice nazionale della rassegna che quest’anno è stata dedicata alla bio-diversità: «Non è stato un anno facile ma questa situazione così particolare ha costretto tutti a cambiare abitudini e modalità di lavoro e ha aperto strade inaspettate», racconta.

La trasposizione digitale del festival è stato un esperimento vincente, aggiunge la coordinatrice: «Ci ha permesso di entrare in contatto con tante persone che normalmente non avrebbero avuto modo di conoscere il festival. Abbiamo ampliato il nostro pubblico, coinvolto tanti esperti, avviato nuove collaborazioni e arricchito i nostri contenuti di tematiche che, in presenza, sarebbe stato difficile affrontare. In una situazione di crisi è stato molto importante essere riusciti a trovare nuove vie che ci hanno permesso di veicolare a più persone i temi per cui ci battiamo da tanti anni»

Primavera on line e autunno sui territori

Sostenibilità, ambiente, rispetto del territorio sono tematiche che la stessa pandemia ha portato in evidenza, interrogandoci sui nostri personali stili di vita. Ma, visto che l’essenza di IT.A.CÀ sono sempre stati il movimento, i cammini, i viaggi, portare tutto questo al pubblico solo attraverso uno schermo sarebbe stato limitante. Per questo, appena è stato possibile, e seguendo tutte le direttive sulla sicurezza, il festival è stato anche live: «Il rapporto con le istituzioni, con le associazioni, in generale con le persone è essenziale», continua Sonia Bregoli. «Perciò abbiamo ridotto la programmazione (12 tappe anziché le 24 previste) e trasformato le tappe del festival in piccoli eventi sul territorio, situazioni più intime e a numero chiuso, svolte nel rispetto di tutte le norme. La scelta si è rivelata vincente, perché inaspettatamente gli eventi a numero chiuso sono stati non solo molto partecipati, ma soprattutto hanno richiamato persone realmente interessate». 

Leggi anche: IT.A.CÀ: in Campania le ultime tappe “live” del festival del turismo responsabile

Lo sguardo al futuro di IT.A.CÀ

Il festival ha trovato il modo di adattarsi al cambiamento, sviluppando nuove strategie, individuando nuove strade e dimostrando una capacità di reazione notevole. Ma non mancano le criticità. E le preoccupazioni riguardano soprattutto il futuro: «In alcune zone la crisi seguita al primo lockdown ha morso di più e la rete locale si è trovata ad affrontare problemi economici che non hanno permesso loro di partecipare e organizzare eventi», continua la co-fondatrice Bregoli. «La situazione non ci consente di fare previsioni, ma noi ci siamo già messi al lavoro per il 2021, per riproporre le tappe saltate e vagliare le tantissime richieste che ci sono giunte da nuovi territori. C’è molto da fare perché questa pandemia ci ha posto di fronte alla realtà del fatto che il sistema attuale non è più sostenibile: bisogna cambiare e imparare a rimettere al centro l’ambiente, la natura e la cura delle comunità. E non solo nel turismo».

Turismo responsabile una strada per “spingere” l’economia

Un approccio sostenibile può davvero contribuire a dare una spinta all’economia? «È sicuramente una strada», risponde Sonia Bregoli. «Il festival 2020 è stato incentrato sulla biodiversità, un tema che non riguarda soltanto il turismo. Con questa pandemia il modello economico attuale è in buona parte crollato, il lockdown ci ha mostrato che il nostro stile di vita ha un notevole impatto sull’ambiente e ci ha costretto a riflettere su nuovi paradigmi. Dovremmo sfruttare questo momento, non sprecare questa consapevolezza. Magari partendo proprio dal modo di fare turismo: liberando le grandi città e le mete turistiche per eccellenza da un overtourism mordi-e-fuggi, invasivo e invadente, e ripensando un modo di viaggiare diverso, più lento e rispettoso delle comunità e delle aree interne, che crei sviluppo economico nei territori di accoglienza attraverso buone pratiche di turismo responsabile. Dobbiamo cercare vie alternative e sostenibili in tutto: bisognerà ripensare le metropoli, tanto per cominciare, sempre tenendo presente la complessità delle società stratificate in cui viviamo. Tutto questo non è facile e ci vuole tempo per realizzare un reale cambiamento, perché prima di tutto bisogna modificare la mentalità del Paese e di chi prende le decisioni. Ma questo è il nostro compito, come festival: lavorare sulla mentalità, con l’aiuto di chi è sensibile alle nostre tematiche». Redazione di DOVE compresa.

Ci rivediamo a IT.A.CÀ migranti e viaggiatori, Festival del Turismo Responsabile, edizione 2021.

Leggi anche

L'articolo Si è concluso il Festival IT.A.CÀ 2020: dal turismo responsabile la strada per un nuovo modello di economia sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Turismo invernale: perdite per oltre 8 miliardi di euro

Uno tsunami da 8 miliardi di euro si abbatterà sul settore dei viaggi e del turismo a causa della seconda ondata di Covid registrata in Italia e dello stop al turismo invernale. Lo afferma RimborsoalVolo.it – società italiana specializzata in trasporto aereo che dal 2009 assiste i passeggeri che hanno subito disagi o problemi – che ha [...]→ Leggi alla Fonte

B&B Hotels: un Black Friday per ricominciare a pianificare i viaggi

B&B Hotels lancia la sua offerta Black Friday per ricominciare a pianificare i viaggi, visitare nuovi luoghi, e usufruire di tutti i servizi e i comfort delle strutture del gruppo in Italia con un significativo risparmio. Una promo dedicata a tutti coloro che desiderano prenotare i prossimi soggiorni primaverili ed estivi al miglior prezzo, all’insegna della [...]→ Leggi alla Fonte