Alitalia: la newco potrebbe essere per la Ue “aiuto di Stato illegale”

AlitaliaLimitarsi a creare una “newco” per salvare un’Alitalia nazionalizzata interamente, con l’immissione di 3 miliardi di euro, potrebbe non bastare. almeno a quanto dice la vicepresidente della Commissione europea, Margrethe Vestager, responsabile dell’Antitrust comunitario «La costituzione di una newco non ha nulla a che vedere con il Temporary Framework, perché nel Temporary Framework abbiamo fissato una [...]→ Leggi alla Fonte

Fiavet Lazio e Assoviaggi Lazio: Il comune di Roma deve risolvere il rebus dei bus turistici

È stata presentata nei giorni scorsi, congiuntamente da Fiavet Lazio e Assoviaggi Lazio Confesercenti, richiesta formale  al comune di Roma di revisione dal punto di vista tecnico e tariffario del «regolamento per la circolazione dei bus turistici». «Il periodo eccezionale che si sta vivendo ha azzerato i movimenti dei pullman turistici e purtroppo per tutto [...]→ Leggi alla Fonte

Parma capitale italiana della cultura 2020, il titolo viene prolungato al 2021

Parma capitale italiana della cultura 2020 si prolunga al 2021. A causa dell’emergenza Covid-19 la città emiliana riparte all’insegna della cultura. L’art. 187 quater., comma 8 del decreto Rilancio, riporta “Il titolo di capitale italiana della Cultura conferito alla città di Parma per l’anno 2020 è riferito anche all’anno 2021. La procedura di selezione relativa [...]→ Leggi alla Fonte

Peci, Quality Group: occorre prolungare la cassa integrazione per i lavoratori del settore

Un periodo di accendi-spegni che si prolungherà per 12 – 18 mesi. E’ quello che ci aspetta secondo il direttore commerciale di Quality Group, Marco Peci: “Tenendo conto però che se in 80 giorni è cambiato il mondo, nei prossimi 80 potrebbe cambiare ulteriormente. Magari in meglio”. Il problema, in tale contesto di navigazione a vista, [...]→ Leggi alla Fonte

NH Hotels Group ha liquidità per affrontare la “ripartenza”

NH Hotel Group ha attivato varie misure per preservare e rafforzare la liquidità al fine di soddisfare le esigenze operative nei prossimi mesi, tra cui la riduzione degli investimenti nella manutenzione e il riposizionamento degli hotel, la fornitura di linee di credito, la cancellazione della proposta. Come conseguenza di queste misure, il gruppo ha una [...]→ Leggi alla Fonte

Capitale italiana della Cultura 2023: Bergamo e Brescia si candidano insieme

«Bergamo e Brescia lanciano, insieme, la propria candidatura a Capitale italiana della Cultura 2023». Ad annunciarlo sono stati Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, ed Emilio del Bono, sindaco di Brescia, insieme a Laura Castelletti e a Nadia Ghisalberti, assessori alla cultura.

Capitale italiana della Cultura 2023: Bergamo e Brescia si candidano insieme

“Le due città, che hanno pagato un tremendo contributo all’epidemia Covid-19, lanciano un’alleanza strategica che parte dalla cultura in uno dei momenti più cupi della loro storia. Due territori affini, una sofferenza comune e una volontà unica di risollevarsi”, si legge nella nota. Bergamo  e Brescia hanno deciso di unirsi dopo i tragici fatti degli ultimi mesi e progettare un futuro sereno che coinvolga cittadini, istituzioni e imprese.

Ripartire dal lavoro e dalla solidarietà

La candidatura a Capitale italiana della Cultura per il 2023  nasce, dunque, per ripensare il sistema di produzione e offerta culturale a tutti i livelli. Per cooperare, conservare e incrementare il ricco patrimonio.  E per creare nuove opportunità di sviluppo e di formazione. «Questo lavoro potrà essere svolto necessariamente in un clima collaborativo. Servono quindi adeguati livelli di integrazione gestionale e politica.  E la piena collaborazione del tessuto imprenditoriale», hanno aggiunto i sindaci.

La sfida dei prossimi anni

Negli ultimi mesi, la pandemia ha comportato la sospensione della quasi totalità delle attività culturali.  Questo impone una profonda riflessione su cosa significherà fare cultura negli anni a venire. La sfida che si prospettano i due comuni è di creare qualcosa di nuovo. Andare avanti con una consapevolezza differente e stimoli inediti.

Il progetto di Bergamo e Brescia

Nato dalla riproduzione dell’omologo formato europeo ideato nel 1985, il progetto di Capitale Italiana della Cultura dal 2016 a oggi è divenuto uno strumento strategico.  Non solo per incrementare l’attrattività turistica di una destinazione.  Ma anche per contribuire allo sviluppo socio-economico locale. Il progetto delle città ha già incassato il primo sì. Quello di UBI Banca, istituto bancario che nei due comuni affonda le proprie radici storiche, che sarà partner dell’iniziativa. Ascoltando le voci delle comunità residenti e degli operatori culturali territoriali, Brescia e Bergamo sono decise a creare insieme una nuova strada per la fruizione della cultura in Italia. Un grande segnale di fiducia e di unione.

Leggi anche

L'articolo Capitale italiana della Cultura 2023: Bergamo e Brescia si candidano insieme sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Air France Klm sta iniziando a rimborsare i biglietti

cambia la sua politica e inizia a rimborsare i biglietti venduti per i voli che non sono stati effettuati a causa delle circostanze straordinarie del coronavirus.  Tuttavia, la compagnia mantiene l’offerta ai viaggiatori di scegliere se hanno preferito un voucher per un volo in un secondo momento o se desiderano pagare l’importo. In questo secondo caso, procederà [...]→ Leggi alla Fonte

Iata: la ripresa totale del traffico aereo solo nel 2023

Il trasporto aereo non dovrebbe riprendere il suo livello di traffico pre-crisi prima del 2023, con un primo riavvio delle rotte nazionali a cui seguirà una ripresa molto più lenta del traffico internazionale, questa la previsone della Iata. Lo scenario più probabile si basa sulla riapertura dei mercati domestici nel terzo trimestre e su un’apertura graduale molto più lenta [...]→ Leggi alla Fonte

Ryanair taglia 250 addetti amministrativi i Europa

Ryanair ha annunciato il taglio di 250 lavori amministrativi nei suoi uffici di Dublino, Londra-Stansted, Madrid e Wroclaw a causa della flessione dell’attività dovuta alla pandemia di coronavirus. Questi tagli avverranno il 1 ° giugno, data di riapertura degli uffici del vettore irlandese. «Sebbene prevediamo di riaprire i nostri uffici dal 1 ° giugno, non avremo bisogno dello stesso numero [...]→ Leggi alla Fonte