Savona, Berlangieri: «Speriamo che entro metà giugno si aprano i confini regionali»

C’è ancora molta confusione nel settore alberghiero. La mancanza di guida da parte del governo sta creando moltissimi problemi, e numerosi albergatori stanno valutando di tenere chiuse le proprie strutture per tutta la stagione. Per ripartire occorrono certezze e confini entro cui muoversi. Per quanto concerne la situazione nella provincia di Savona, Angelo Berlangieri, presidente [...]→ Leggi alla Fonte

PromPerù: al via il terzo webinar “Perù Storia millenaria” il 15 maggio 2020

PROMPERÙ conclude il webinar “Perù A Tutta Natura“, il secondo dei tre appuntamenti online, volti all’approfondimento, alla condivisione di consigli utili e propedeutico alla finalizzazione del programma di E-learning Perù Agent e dà appuntamento agli agenti di viaggio per l’ultimo incontro online il 15 maggio 2020. Webinar “Perù: Storia Millenaria” – 15 maggio 2020 -14:30 – [...]→ Leggi alla Fonte

Italia, la più ambita nelle prenotazioni degli stranieri: i dati Enit

Schiarite all’orizzonte per il turismo italiano: il nostro Paese è la meta più ambita d’Europa con più di 400mila prenotazioni estive e anche sui social il sentiment positivo conferma timide ma ottimistiche previsioni di ripresa. Certo, la crisi Coronavirus ha più che dimezzato le cifre degli anni passati, ma – a fronte delle iniziali stime funeree – oggi si iniziano a leggere dati confortanti. Secondo i dati dell’Enit, Agenzia Nazionale Turismo, per il periodo turistico estivo da giugno ad agosto il numero delle prenotazioni aeroportuali riporta il trend tra i diversi Paesi europei in equilibrio: in Italia si contano 407 mila prenotazioni dall’estero (-68,5%), in Spagna 403 mila (-63,7%) ed in Francia 358 mila (-66,3%).

Torna quindi la voglia d’Italia nei turisti stranieri e lo si vede anche sui social: accanto alle manifestazioni di solidarietà verso lo Stivale, cresce il sentiment positivo anche per ciò che riguarda il viaggio: dal  18 marzo al 30 aprile, si contano un totale di 617,4 mila mention della Penisola – di cui 32,6 mila comparse sul web e 584,8 mila dai social – che hanno prodotto 186,4 milioni di interazioni: tutto ciò si traduce in una campagna promozionale spontanea che, si calcola, abbia un valore di 331 milioni di euro.

Anche il settore dell’ospitalità inizia a respirare: le strutture ricettive registrano una minore disponibilità di posti letto per il mese di giugno, un segnale che lascia ben sperare. E anche il prezzo medio delle camere in vendita – che ha subito un calo generalizzato a febbraio e marzo – si sta risollevando in tutta Italia già in previsione del mese di giugno.

Leggi anche

L'articolo Italia, la più ambita nelle prenotazioni degli stranieri: i dati Enit sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Fase 2: ecco il drone che sanifica le città. Targato Torino

È una sfera volante, vede tutto, anche in mancanza di Gps, può infilarsi ovunque ed effettuare operazioni di precisione, come la sanificazione degli ambienti nell’era del Covid-19. E potrebbe essere una chiave della Fase 2. Lo Skycopter è un brevetto del torinese Giuseppe Santangelo, che ha fondato la sua Skypersonic a Detroit per poi riportarla a fine 2019 nella sua città. Nota finora solo agli addetti ai lavori, in ambito industriale, questa tecnologia è entrata oggi ufficialmente nell’era Covid con un’impressionante dimostrazione lanciata da Torino: l’ispezione a un impianto indoor di Detroit, Michigan, guidata in remoto dalla Città della Mole, da una Drone unit composta da personale del Corpo Municipale della città. Basta a fare da oggi ufficialmente del capoluogo torinese il laboratorio italiano e internazionale delle misure anti-pandemia basate sulla robotica

“Che fino hanno fatto i robot?”, si chiedeva appena il 9 aprile scorso Riccardo Luna su Repubblica, interrogandosi sul perché la tanto celebrata rivoluzione dei droni e dell’intelligenza artificiale sembrasse in ritardo all’appuntamento con  un’emergenza in cui strumenti artificiali da controllare in remoto farebbero comodo davvero. Eccoli qui, in tempo per la Fase 2.

Fase 2: robot per la ripartenza

Sette robottini da corsia ospedaliera lavorano da fine marzo all’ospedale di Circolo di Varese, altri sono al lavoro da aprile a Pisa, o a Massa Carrara, misurando la temperatura, trasportando attrezzature ma anche gestendo videochiamate con i parenti dei ricoverati. Robot distribuiranno mascherine agli studenti dell’Istituto tecnico Ferrara di Susa (To). Altri sono arrivati nelle fabbriche, un po’ ovunque nel mondo, mentre a Brescia la Klain Robotics sta testando automi sanificatori che usano raggi Uv e ozono, e la Rps Aerospace, start up di Lumezzane (Bs), lavora a rover autonomi per monitorare la salute dei passanti e rilevare assembramenti. Robot perfino sui campi d’allenamento del tennis, come racattapalle,  per rendere più sicuro il primo sport professionisitico dato in riapertura.

Un tunnel visto con gli occhi dello Skycopter
Un tunnel visto con gli occhi dello Skycopter

L’importanza del test lanciato oggi a Torino, con la presenza, virtuale, anche del sindaco Chiara Appendino, è quella di far conoscere al grande pubblico il ruolo che potrebbero avere i droni volanti lungo il complesso cammino verso la normalità.L’azienda americana, produttrice di droni speciali utilizzati in operazioni rischiose o d’emergenza, come quelle nei siti nucleari, vista l’impossibilità di inviare i propri esperti durante il lockdown, ha ideato infatti una piattaforma di pilotaggio da remoto per seguire gli Skycopter  ovunque nel mondo.

La missione delle sfere robot in America in modalità BVLOS indoor – ispezione e sanificazione in spazi chiusi, sia pubblici sia privati- è stata teleguidata a quasi 7000 chilometri di distanza direttamente dall’ufficio centrale della stazione di Polizia Municipale torinese, con il supporto dal centro di controllo di Skypersonic a Detroit.

Torino: droni contro il covid-19

Questo è l’inizio, ma a Torino è già partita una unit di Polizia municipale pronta a effettuare, con droni e sensori d’aria, programmi di monitoraggio del territorio per supportare misure di prevenzione al contenimento del COVID-19. L’addestramento degli agenti, senza nessuna esperienza precedenti con la teleguida, è avvenuto con simulatori di volo. E presto la città avrà a disposizione, a titolo gratuito da Skypersonic, i primi droni.

Applicazioni? I Droni possono spruzzare dsinfettante, a getto o in modalità aerosol. Ad esempio, ha spiegato Santangelo, per mettere in siurezza bocchette di impianti di areazione altrimenti irraggiungibili, condotti, infissi alti o protetti, Possono essere usati dalle forze dell’ordine per monitorare un’area, in collegamento con la polizia, ad esempio un parco, una riserca naturale, un sito archeologico o una spiaggia. Possono presidiare il confine di una zona rossa, o segnalare la formazione di un assembramento a rischio, sempre teleguidati magari da un team di esperti di un’altro paese (la tecnologia della piattaforma usata per l’isperimento ha ridotto il “ritardo”, nella ricezione degli ordini da parte del dispositivo). O pattugliare la città in autonomia, grazie a speciali stazioni di autoricarica.

L’idea è anche di fare di Torino un laboratorio anche per lavorare su aspetti che finora hanno frenato l’utilizzo dei droni in città: la burocrazia, regole precise sulla sicurezza, la difficoltà di reperire “corridoi aerei” dedicati, perfino la percezione di cittadini che oggi, di fronte all’emergenza, sono più portati ad accettare la convivenza con i robot volanti.. Che non somigliano a Mazinga o a Jeeg Robot, ma possono comunque aiutare le nostre città. Domani, ma soprattutto adesso.

Leggi anche

L'articolo Fase 2: ecco il drone che sanifica le città. Targato Torino sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Fase 2: ecco il drone che sanifica le città. Targato Torino

È una sfera volante, vede tutto, anche in mancanza di Gps, può infilarsi ovunque ed effettuare operazioni di precisione, come la sanificazione degli ambienti nell’era del Covid-19. E potrebbe essere una chiave della Fase 2. Lo Skycopter è un brevetto del torinese Giuseppe Santangelo, che ha fondato la sua Skypersonic a Detroit per poi riportarla a fine 2019 nella sua città. Nota finora solo agli addetti ai lavori, in ambito industriale, questa tecnologia è entrata oggi ufficialmente nell’era Covid con un’impressionante dimostrazione lanciata da Torino: l’ispezione a un impianto indoor di Detroit, Michigan, guidata in remoto dalla Città della Mole, da una Drone unit composta da personale del Corpo Municipale della città. Basta a fare da oggi ufficialmente del capoluogo torinese il laboratorio italiano e internazionale delle misure anti-pandemia basate sulla robotica

“Che fino hanno fatto i robot?”, si chiedeva appena il 9 aprile scorso Riccardo Luna su Repubblica, interrogandosi sul perché la tanto celebrata rivoluzione dei droni e dell’intelligenza artificiale sembrasse in ritardo all’appuntamento con  un’emergenza in cui strumenti artificiali da controllare in remoto farebbero comodo davvero. Eccoli qui, in tempo per la Fase 2.

Fase 2: robot per la ripartenza

Sette robottini da corsia ospedaliera lavorano da fine marzo all’ospedale di Circolo di Varese, altri sono al lavoro da aprile a Pisa, o a Massa Carrara, misurando la temperatura, trasportando attrezzature ma anche gestendo videochiamate con i parenti dei ricoverati. Robot distribuiranno mascherine agli studenti dell’Istituto tecnico Ferrara di Susa (To). Altri sono arrivati nelle fabbriche, un po’ ovunque nel mondo, mentre a Brescia la Klain Robotics sta testando automi sanificatori che usano raggi Uv e ozono, e la Rps Aerospace, start up di Lumezzane (Bs), lavora a rover autonomi per monitorare la salute dei passanti e rilevare assembramenti. Robot perfino sui campi d’allenamento del tennis, come racattapalle,  per rendere più sicuro il primo sport professionisitico dato in riapertura.

Un tunnel visto con gli occhi dello Skycopter
Un tunnel visto con gli occhi dello Skycopter

L’importanza del test lanciato oggi a Torino, con la presenza, virtuale, anche del sindaco Chiara Appendino, è quella di far conoscere al grande pubblico il ruolo che potrebbero avere i droni volanti lungo il complesso cammino verso la normalità.L’azienda americana, produttrice di droni speciali utilizzati in operazioni rischiose o d’emergenza, come quelle nei siti nucleari, vista l’impossibilità di inviare i propri esperti durante il lockdown, ha ideato infatti una piattaforma di pilotaggio da remoto per seguire gli Skycopter  ovunque nel mondo.

La missione delle sfere robot in America in modalità BVLOS indoor – ispezione e sanificazione in spazi chiusi, sia pubblici sia privati- è stata teleguidata a quasi 7000 chilometri di distanza direttamente dall’ufficio centrale della stazione di Polizia Municipale torinese, con il supporto dal centro di controllo di Skypersonic a Detroit.

Torino: droni contro il covid-19

Questo è l’inizio, ma a Torino è già partita una unit di Polizia municipale pronta a effettuare, con droni e sensori d’aria, programmi di monitoraggio del territorio per supportare misure di prevenzione al contenimento del COVID-19. L’addestramento degli agenti, senza nessuna esperienza precedenti con la teleguida, è avvenuto con simulatori di volo. E presto la città avrà a disposizione, a titolo gratuito da Skypersonic, i primi droni.

Applicazioni? I Droni possono spruzzare dsinfettante, a getto o in modalità aerosol. Ad esempio, ha spiegato Santangelo, per mettere in siurezza bocchette di impianti di areazione altrimenti irraggiungibili, condotti, infissi alti o protetti, Possono essere usati dalle forze dell’ordine per monitorare un’area, in collegamento con la polizia, ad esempio un parco, una riserca naturale, un sito archeologico o una spiaggia. Possono presidiare il confine di una zona rossa, o segnalare la formazione di un assembramento a rischio, sempre teleguidati magari da un team di esperti di un’altro paese (la tecnologia della piattaforma usata per l’isperimento ha ridotto il “ritardo”, nella ricezione degli ordini da parte del dispositivo). O pattugliare la città in autonomia, grazie a speciali stazioni di autoricarica.

L’idea è anche di fare di Torino un laboratorio anche per lavorare su aspetti che finora hanno frenato l’utilizzo dei droni in città: la burocrazia, regole precise sulla sicurezza, la difficoltà di reperire “corridoi aerei” dedicati, perfino la percezione di cittadini che oggi, di fronte all’emergenza, sono più portati ad accettare la convivenza con i robot volanti.. Che non somigliano a Mazinga o a Jeeg Robot, ma possono comunque aiutare le nostre città. Domani, ma soprattutto adesso.

Leggi anche

L'articolo Fase 2: ecco il drone che sanifica le città. Targato Torino sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Una Ferrari spericolata per le strade vuote di Parigi: quel corto tornato virale

Siamo nel pieno centro di Parigi. Si vede l’Arco di Trionfo, il Louvre, gli Champs-Élysées, la zona dello shopping. E poi: Pigalle, la collina di Montmartre con la celebre basilica del Sacré-Coeur sulla sommità. Un’auto sfreccia a velocità pazzesca approfittando delle strade quasi deserte. No, non è un filmato girato da qualche youtuber in tempi di quarantena (e da ritiro della patente). Il cortometraggio ha 44 anni. 

“L’appuntamento” di Claude Lelouch

S’intitola “C’était un rendez-vous” o “Un appuntamento”, com’è conosciuto in Italia. È il 1976 e racconta la storia di un appassionato di auto in ritardo per un appuntamento con la propria donna. Si riconosce il rombo del motore V12 di una Ferrari, ma le immagini sono riprese dal muso,  in una sequenza unica che dura quasi 9 minuti da cui non si riesce a staccare lo sguardo, e dell’auto non si vede nulla. Il corto girato in pellicola 35 mm è l’opera insolita del grande regista Claude Lelouch.

Godersi il suono del V12 Ferrari

In questi tempi di isolamento forzato e di deserto urbano è tornato virale sui social. In realtà, Lelouch ha confidato in seguito che per problemi di ripresa la corsa è stata girata su una Mercedes 450 SEL 6.9 e successivamente è stato aggiunto il suono della Ferrari. In ogni caso, il corto è davvero affascinante. Eccolo, completo (è una delle numerose versioni che si trovano su YouTube). Da gustare al meglio se alzate il volume.

Leggi anche

L'articolo Una Ferrari spericolata per le strade vuote di Parigi: quel corto tornato virale sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Escursioni nei parchi e aree naturali protette, ecco come sarà garantita la salute

La priorità per molti, superata l’emergenza sanitaria, sarà tornare alla natura. Camminare nei nostri parchi, visitare gli spazi verdi e i giardini, sarà una vera boccata di ossigeno dopo mesi chiusi in casa. Per questo, e per garantire la sicurezza dei visitatori, Federparchi, in collaborazione con l’Università Campus Bio Medico di Roma, ha stilato un protocollo anticontagio.

Si tratta di alcune semplici linee guida rivolte a tutti gli enti gestori delle aree protette, affinché possano arrivare preparati alle prossime aperture, che saranno graduali e regolamentate secondo le disposizioni per il contenimento dell’epidemia nella Fase 2. A loro il compito di consentire agli escursionisti di poter tornare a scoprire con visite guidate i parchi e le oasi naturali italiane, senza preoccupazioni.

Tra i punti principali, si evidenzia la prenotazione obbligatoria della visita, da fare tramite sito o app. Una volta inoltrata la richiesta, gli escursionisti e i visitatori riceveranno un vademecum con i comportamenti da rispettare e una serie di informazioni sulle norme igienico sanitarie in vigore.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, vacanze estate 2020: come saranno le ferie degli italiani

Nei punti di incontro dei centri visita, invece, si procederà all’igienizzazione delle mani e verrà rilevata la temperatura corporea: se superiore a 37.5, non si potrà partecipare alla visita. Oltre alla misurazione della febbre, si sarà controllato anche l’abbigliamento del visitatore, che dovrà essere adeguato al tipo di escursione. Obbligatorie invece le mascherine e i guanti monouso, da indossare negli spazi interni e dove sarà necessario.

Le guide dei parchi, che dovranno avere dispositivi di protezione personale aggiuntive da usare in caso di necessità, avranno un ruolo chiave. A loro non solo il ruolo fondamentale di far conoscere la bellezza della natura e le particolarità del posto, ma anche quello di garanti delle norme di sicurezza. Che includeranno, tra l’altro, il distanziamento sociale fino a due metri tra ogni partecipante. E i gruppi non potranno essere di massimo dodici persone.

Leggi anche

L'articolo Escursioni nei parchi e aree naturali protette, ecco come sarà garantita la salute sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

#Consigliounborgo: un viaggio (su Instagram) tra i Borghi più Belli d’Italia

Se quest’estate andremo in vacanza, rimarremo in Italia. Magari senza andare troppo lontano, scegliendo mete raggiungibili in poche ore d’auto. Sarà quindi un turismo di prossimità, che avrà un vantaggio: ci farà riscoprire i tanti tesori artistici, architettonici e paesaggistici del nostro Paese. E tra questi non mancano i borghi, sparsi lungo tutto lo stivale.

Quale scegliere? In attesa di ricominciare a viaggiare davvero, il circuito Borghi più Belli d’Italia ha lanciato un contest sui social: #consigliounborgo. Un modo per esplorare con la fantasia i piccoli gioielli dell’Italia minore, seguendo i “consigli fotografici” di chi quei posti li ha già visitati e ha già avuto modo di apprezzarli. Ma è anche un’occasione per trovare spunti per programmare viaggi reali in futuro.

Come partecipare a #consigliounborgo

Ognuno può dare il proprio contributo. Fino al 10 giugno, è possibile postare sul proprio profilo Instagram uno scatto dei paesini che fanno parte dell’associazione, accompagnato da un commento e dall’hashtag ufficiale #consigliounborgo. Ogni giorno, 2 immagini tra le più belle, verranno ricondivise sul profilo dei Borghi più Belli d’Italia. Infine, al termine del contest, gli autori dei tre scatti più belli e popolari saranno premiati con un cofanetto Smartbox dei Borghi più belli d’Italia.

Il contest social è però solo la prima delle iniziative che l’associazione sta studiando per riattivare, quando le restrizioni e l’emergenza sanitaria lo consentiranno, i flussi turistici in quei borghi italiani. Privilegiando magari al momento quelli che più possono far fronte alle necessità di distanziamento sociale e sicurezza con cui dovremo convivere ancora nei prossimi mesi.

In attesa di porteli scoprire dal vivo, prosegui il viaggio fotografico sfogliando le gallery sui i più bei paesini italiani selezionati negli anni da Dove:

Leggi anche

L'articolo #Consigliounborgo: un viaggio (su Instagram) tra i Borghi più Belli d’Italia sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Europ Assistance lancia Easy Rent, la polizza “elimina caparra” nelle case vacanza

In un momento in cui per la prossima estate si profila il boom delle case vacanza, Europ Assistance Italia presenta Easy Rent, la nuova soluzione assicurativa pensata per il mondo del vacation rental, che offre la possibilità di eliminare il deposito cauzionale e garantire così una miglior esperienza a tutti coloro che scelgono questa formula di vacanza.  Quando [...]→ Leggi alla Fonte