Vigevani (Gardaland): «Contiamo di riaprire in estate»

Gardaland è pronta a trasformarsi radicalmente per far fronte alla Fase 2 di ri-apertura, garantendo così una giornata di divertimento all’insegna della totale sicurezza per le famiglie italiane che potranno vivere momenti di svago e relax all’interno di ampi spazi verdi. Gardaland Resort dispone di una superficie di ben 600.000 metri quadrati, equivalenti a oltre [...]→ Leggi alla Fonte

Google Earth: giro del mondo a sorpresa con la funzione “mi sento fortunato”

Oggi è l’Earth Day, la cinquantesima Giornata della Terra. Un giorno speciale, celebrato dalle Nazioni Unite che istituirono la ricorrenza il 22 aprile del 1970, per sensibilizzare la popolazione sulla necessità di preservare le risorse naturali del nostro pianeta. L’anniversario è un traguardo storico. E, anche se la pandemia costringe gran parte degli abitanti del mondo a rimanere a casa, lo celebriamo con un viaggio fantastico. Seppur virtuale.

La guida d’eccezione è Google Earth, il moderno atlante degli esploratori, che ci porta a fare il giro del mondo con le sue sorprendenti immagini satellitari e l’inconfondibile effetto zoom, un vero tuffo dal globo terrestre visto dallo spazio, fino ai minuziosi dettagli di una strada inquadrata dall’alto. A patto di avere una buona connessione wi-fi.

Disponibile su desktop e mobile, a partire da marzo 2020, funziona su diversi browser web, non più solo Chrome, ma anche Firefox, Opera ed Edge (a breve ne saranno supportati altri). E consente di avere ogni angolo della Terra a portata di mano.

LEGGI ANCHE: Il nostro è un pianeta straordinario, guarda le foto condivise dalla Nasa

Dove viaggiare quindi? Difficile rispondere. Il giusto approccio è tentare la fortuna e lasciarsi sorprendere da Google Earth. Se si clicca infatti sull’icona a forma di dado “mi sento fortunato”, presente sulla barra laterale a sinistra, ci si muove verso un luogo della Terra scelto a caso dal portale.

E così, con un virtuale tiro di dato ci si trova a scoprire luoghi remoti, lontani magari migliaia di chilometri dalla propria casa. Isole bellissime e atolli da sogno. Laghi di lava all’interno di vulcani nei tropici. Oppure una città più famosa, ma difficile da riconoscere dall’alto (provate ad esempio a vedere che spettacolo Abu Dhabi con le sfumature azzurro pallido e turchesi del mare che incontra il deserto). Non solo. Ogni località è corredata di schede informative elaborate in collaborazione con Wikipedia, che svelano la storia, le curiosità e le informazioni utili sul posto.

LEGGI ANCHE: Earth Day 2020: un gioco per celebrarla

Un esempio. Sapevate dell’esistenza dell’isola di Minicoy? Il nostro viaggio casuale con Google Earth ci ha portato nel mar Arabico, nella seconda più grande isola dell’arcipelago delle Laccadive; nonché l’unica abitata dell’atollo di Maliku.

Earth Day: mi sento fortunato Google Earth, isola Minicoy
L’isola di Minicoy si raggiunge (virtualmente) con Google Earth.

Un’altra prova, ed eccoci catapultati a Lido Island, un’isola artificiale nella baia di Biscayne, al largo di Miami Beach. E non è la sola. Situata tra l’ isola di San Marino e quella di Rivo Alto, fa parte delle Venetian Islands, collegate l’una all’altra da una strada panoramica rialzata.

Lido Island vista da Google Earth
Lido Island vista da Google Earth e raggiunta grazie alla funzione “mi sento fortunato”.

Cliccate più volte e rimbalzate da Nord a Sud del pianeta. È un viaggio di continue scoperte. Ipnotico e coinvolgente, nonostante la realtà virtuale. Per imparare a conoscere il mondo prima di poter tornare a viaggiare di persona. Inizia da qui: earth.google.com

E se non foste ancora stanchi del gioco, provate una delle ultime funzioni di Earth View, con una collezione di più 2.500 foto di paesaggi sorprendenti (come quella di Cuba che vedete in apertura), che possono essere visualizzate online e scaricate come sfondo per il proprio schermo. Anche qui, si può viaggiare per il globo spostando il cursore sulla gamma di colori oppure cliccare sul tasto “sorprendimi” e farsi portare in una meta nuova. Qui abbiamo scelto quelle che ci sono piaciute di più. 

Leggi anche

L'articolo Google Earth: giro del mondo a sorpresa con la funzione “mi sento fortunato” sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Google Earth: giro del mondo a sorpresa con la funzione “mi sento fortunato”

Oggi è l’Earth Day, la cinquantesima Giornata della Terra. Un giorno speciale, celebrato dalle Nazioni Unite che istituirono la ricorrenza il 22 aprile del 1970, per sensibilizzare la popolazione sulla necessità di preservare le risorse naturali del nostro pianeta. L’anniversario è un traguardo storico. E, anche se la pandemia costringe gran parte degli abitanti del mondo a rimanere a casa, lo celebriamo con un viaggio fantastico. Seppur virtuale.

La guida d’eccezione è Google Earth, il moderno atlante degli esploratori, che ci porta a fare il giro del mondo con le sue sorprendenti immagini satellitari e l’inconfondibile effetto zoom, un vero tuffo dal globo terrestre visto dallo spazio, fino ai minuziosi dettagli di una strada inquadrata dall’alto. A patto di avere una buona connessione wi-fi.

Disponibile su desktop e mobile, a partire da marzo 2020, funziona su diversi browser web, non più solo Chrome, ma anche Firefox, Opera ed Edge (a breve ne saranno supportati altri). E consente di avere ogni angolo della Terra a portata di mano.

LEGGI ANCHE: Il nostro è un pianeta straordinario, guarda le foto condivise dalla Nasa

Dove viaggiare quindi? Difficile rispondere. Il giusto approccio è tentare la fortuna e lasciarsi sorprendere da Google Earth. Se si clicca infatti sull’icona a forma di dado “mi sento fortunato”, presente sulla barra laterale a sinistra, ci si muove verso un luogo della Terra scelto a caso dal portale.

E così, con un virtuale tiro di dato ci si trova a scoprire luoghi remoti, lontani magari migliaia di chilometri dalla propria casa. Isole bellissime e atolli da sogno. Laghi di lava all’interno di vulcani nei tropici. Oppure una città più famosa, ma difficile da riconoscere dall’alto (provate ad esempio a vedere che spettacolo Abu Dhabi con le sfumature azzurro pallido e turchesi del mare che incontra il deserto). Non solo. Ogni località è corredata di schede informative elaborate in collaborazione con Wikipedia, che svelano la storia, le curiosità e le informazioni utili sul posto.

LEGGI ANCHE: Earth Day 2020: un gioco per celebrarla

Un esempio. Sapevate dell’esistenza dell’isola di Minicoy? Il nostro viaggio casuale con Google Earth ci ha portato nel mar Arabico, nella seconda più grande isola dell’arcipelago delle Laccadive; nonché l’unica abitata dell’atollo di Maliku.

Earth Day: mi sento fortunato Google Earth, isola Minicoy
L’isola di Minicoy si raggiunge (virtualmente) con Google Earth.

Un’altra prova, ed eccoci catapultati a Lido Island, un’isola artificiale nella baia di Biscayne, al largo di Miami Beach. E non è la sola. Situata tra l’ isola di San Marino e quella di Rivo Alto, fa parte delle Venetian Islands, collegate l’una all’altra da una strada panoramica rialzata.

Lido Island vista da Google Earth
Lido Island vista da Google Earth e raggiunta grazie alla funzione “mi sento fortunato”.

Cliccate più volte e rimbalzate da Nord a Sud del pianeta. È un viaggio di continue scoperte. Ipnotico e coinvolgente, nonostante la realtà virtuale. Per imparare a conoscere il mondo prima di poter tornare a viaggiare di persona. Inizia da qui: earth.google.com

E se non foste ancora stanchi del gioco, provate una delle ultime funzioni di Earth View, con una collezione di più 2.500 foto di paesaggi sorprendenti (come quella di Cuba che vedete in apertura), che possono essere visualizzate online e scaricate come sfondo per il proprio schermo. Anche qui, si può viaggiare per il globo spostando il cursore sulla gamma di colori oppure cliccare sul tasto “sorprendimi” e farsi portare in una meta nuova. Qui abbiamo scelto quelle che ci sono piaciute di più. 

Leggi anche

L'articolo Google Earth: giro del mondo a sorpresa con la funzione “mi sento fortunato” sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Il nuovo piano Marshall della Ue si concentra sul turismo. Ma per ora sono solo parole…

Turismo primo beneficiario del cosiddetto nuovo piano Marshall da 1.000 – 1.500 miliardi di euro proposto dalla Commissione Ue per aiutare le aziende del Vecchio continente a uscire dalla crisi. A suggerirlo, il commissario al mercato interno Thierry Breton, alla vigilia dalla riunione dei capi di Stato e di governo in programma per domani, proprio [...]→ Leggi alla Fonte

Gherardo Manaigo: vi spiego perchè ho denunciato la Cina

Gherardo Manaigo, proprietario dell’Hotel de la Poste di Cortina d’Ampezzo, ha preso una decisione che sta  facendo il giro del mondo. Il lancio Ansa di lunedì 20 aprile, allegato in calce, ha fatto scalpore e sollevato parecchio rumore. Pubblichiamo la lettera di Manaigo a chiarimento del gesto. Cortina d’Ampezzo, 22 aprile 2020 –  La notizia [...]→ Leggi alla Fonte

Rivera romagnola: rischio infiltrazioni mafiose nelle strutture alberghiere

L’emergenza Covid-19 non sta mettendo in crisi solamente l’economia nazionale, ma rischia anche di favorire l’infiltrazione mafiosa, in particolare nei settori più colpiti dalla recessione, in primis il turismo e l’ospitalità. Il grido d’allarme si alza dalla riviera romagnola, dove non pochi albergatori, alle prese con flussi di cassa azzerati, starebbero ricevendo offerte di acquisto [...]→ Leggi alla Fonte

Perché Franceschini non dichiara lo stato di crisi per il turismo?

Aica ha chiesto lo stato di crisi, Astoi ha chiesto lo stato di crisi, altre associazioni hanno chiesto lo stato di crisi, insomma è una voce generale da parte del sistema turistico nazionale: tutti chiedono al ministro Franceschini lo stato di crisi. E lui che fa? Non risponde. Non dice niente. Il turismo è in [...]→ Leggi alla Fonte

Combotuor lancia la formazione one to one per le agenzie di viaggio

Combotour punta alla personalizzazione della formazione per le agenzie di viaggi con una serie di video incontri di approfondimento one to one su piattaforma Skype. Il calendario prevede diverse sessioni giornaliere di trenta minuti ciascuna in modo da favorire gli appuntamenti personali con gli agenti di viaggi. Gli appuntamenti si possono richiedere inviando una e-mail [...]→ Leggi alla Fonte

L’hotel Muchele di Postal punta sulla sicurezza e la formula “change date”

L’hotel Muchele di Postal, vicino a Merano, struttura del gruppo dei Vinum Hotels,  punta sulla vacanza in completa sicurezza, nella natura. L’accoglienza autentica, fatta di cortesia e gentilezza, l’attenzione verso la persona prima che per il cliente, sono le caratteristiche che contraddistinguono l’ospitalità “familiare” dell’hotel Muchele della famiglia Ganthaler. Una piccola realtà a conduzione familiare, [...]→ Leggi alla Fonte

Fiavet Campania: «Servono misure per rilanciare il settore»

iavet Campania si fa portavoce di un disagio complessivo che riguarda l’intero settore del turismo. «Servono misure strutturali per il rilancio del comparto turistico. Nell’immediato, però, occorre una strategia che ci consenta di intercettare i viaggiatori e convincerli a trascorrere le vacanze in Campania e in Italia anziché in altri Paesi»: così Ettore Cucari, presidente [...]→ Leggi alla Fonte