Boeing riprende la produzione nello stato di Washington

Boeing richiama circa 27.000 lavoratori nello Stato di Washington   per riprendere la produzione dei 737 , 747 , 767 , 777 e 787 . L’assemblaggio del Dreamliner nella Carolina del Sud rimane sospesa. Completamente fermo dalla scorsa settimana a causa della pandemia di Covid-19 , la produzione di aeromobili commerciali riprenderà gradualmente la prossima settimana presso le sue strutture nell’area di Puget Sound, annunciata da Boeing il 16 aprile 2020. a Everett, ” circa [...]→ Leggi alla Fonte

Crociere: tre compagnie estendono il blocco operativo fino al 30 giugno

Seabourn, Holland America Line e Princess Cruises hanno sospeso le attività di crociera fino al 30 giugno prossimo. Le prime due avevano già annunciato a pausa nell’attività dal 14 marzo al 14 maggio, mentre Princess aveva cancellato le operazioni dal 10 marzo al 12 maggio oltre ad avere annullato tutte le crociere in Alaska. Le [...]→ Leggi alla Fonte

L’ottimismo di Volotea: dal 3 luglio, il nuovo collegamento Bologna Olbia

Volotea, la compagnia aerea low cost che collega tra loro città di medie e piccole dimensioni e capitali europee, ha annunciato oggi l’avvio delle sue attività presso l’aeroporto di Bologna. Dal 3 luglio, infatti, sarà disponibile un nuovo collegamento operato dal vettore dallo scalo emiliano alla volta di Olbia, che rafforza ulteriormente le possibilità di [...]→ Leggi alla Fonte

Starsbox, quelle casette dove dormire sotto le stelle

Dormire una notte intera sotto un manto di stelle, circondati dalla bellezza e dai suoni della natura. È il sogno di chi non vuole mediazioni tra la terra e il cielo. Si può realizzare accampandosi con un sacco a pelo in una tenda, all’aperto. Ma non tutti sono disposti ad adattarsi. E la tenda nasconde il cielo e le stelle. Da qui è nato il progetto delle Starsbox: casette di legno che offrono il comfort di un vero letto, pareti solide, protezione, la solitudine per chi le desidera. Ma, soprattutto, la possibilità di aprire il tetto e dormire sotto le stelle.

Starsbox: il progetto di due giovani architetti

Il progetto Starsbox nasce nel 2018 da due giovani architetti della Alta Valle Tanaro, in provincia di Cuneo, nel cuore delle Alpi Liguri: lo hanno ideato Lara Sappa e Fabio Revetria di Officina 82, con l’intento di offrire un’esperienza unica, di grande potenza evocativa, un nuovo modo di vivere la natura, più leggero e consapevole.

A metà strada tra tenda e rifugio, questa nuova esperienza glamping vuole soddisfare sia gli amanti del wild, sia coloro che preferiscono i comfort e la privacy, beneficiando al tempo stesso della bellezza di un cielo stellato.

Aprire il tetto e guardare le stelle

La Starsbox è una “scatola in legno” rialzata da terra, con dimensioni poco più grandi di un materasso a due piazze e con la possibilità, dall’interno, di aprire facilmente il tetto per godere delle stelle restando comodamente coricati. Un modo per lasciarsi alle spalle tutti i cattivi pensieri e viaggiare verso un mondo parallelo, quasi magico.

La smontabilità e l’utilizzo responsabile dei materiali sono alcuni degli aspetti principali del progetto, così come il massimo rispetto dell’ambiente circostante. Starsbox prende spunto da una riflessione sulla fruizione della montagna nel nostro tempo: è nata osservando i giacigli dei pastori, bivacchi temporanei che, una volta terminato il loro scopo, venivano smontati e non lasciavano traccia dietro di sé. Il tutto con una semplicità perfetta.

Le casette in legno di betulla, per nuovo stile di vita

Le casette sono realizzate in legno di betulla e adagiate sul terreno senza alcuna fondamenta. Ma non si tratta solo di micro-edifici mobili: nelle intenzioni dei due ideatori, c’è anche un invito, una proposta di uno stile di vita. Una filosofia alternativa, nuova ed incoraggiante: la voglia di creare una costellazione di casette e di persone in continuo e costante legame con la terra, il cielo ed il paesaggio circostante.

Starsbox, un progetto tutto made in Italy

L’intero progetto è made in Italy, dall’ideazione e progettazione di Officine82 alla parte ingegneristica e produttiva di Studio Arredi, falegnameria di Narzole, un piccolo paese nelle Langhe, che ha fin da subito creduto nell’idea di Lara e Fabio. Un ottimo gioco di squadra, tutto cuneese: la dimostrazione di come, partendo dal piccolo, si possano raggiungere grandi traguardi.

Rifugi, agriturismi e birrifici

I due giovani architetti hanno già tagliato traguardi importanti, grazie ad una continua sperimentazione: nel 2018 Starsbox è stato inserito tra i Best Project 2018 Archilovers e un altro loro progetto è stato selezionato da Mario Cucinella, curatore del Padiglione Italia alla Biennale di Architettura di Venezia 2018, per essere appunto inserito nell’ambito di Arcipelago Italia. Si tratta di Cabanon, un atelier-dépendance a quota mille metri, sempre sulle Alpi Liguri, che riprende le forme archetipe delle baracche utilizzate in zona come fienili o depositi per il fogliame. Questi riconoscimenti rientrano in continuo e positivo divenire per Lara e Fabio, forti dell’amore smisurato per la loro terra ed il rispetto della natura.

Questa sintonia con i valori della sostenibilità è confermata dal fatto che quasi metà dei clienti che hanno acquistato le Starsbox siano aziende agricole biologiche o biodinamiche. Il primo a credere in questo progetto è stato Silvano Odasso, gestore del Rifugio Mongioie, nel grande pianoro sopra l’abitato di Viozene, proprio nella vallata d’origine di Fabio e Lara.  Da quel momento l’interesse è dilagato. Si è piano piano creata così una rete che unisce al tempo stesso rifugisti, produttori di formaggi biologici, agriturismi, vignaioli. Di recente nel circuito virtuoso è entrato anche il birrificio Baladin, altra eccellenza indiscussa del made in Italy e del cuneese.

La costellazione delle Starsbox

Dalle singole Starsbox è nata poi l’idea della Costellazione: la rete delle casette (sparpagliate lungo l’arco alpino e non solo) che, come si legge sul sito, va “dalle pendici del Monte Rosa alle colline dell’alta Langa, dai boschi dell’Appennino ligure agli uliveti della Liguria, e ancora tra le vigne del Monferrato, in Toscana, Sardegna e Croazia”. Sono già tredici le location dove è possibile provare l’esperienza di una notte sotto le stelle.

Come sottolineano Lara e Fabio, “ci piace immaginare la Costellazione come una grande installazione che nelle notti d’estate riunisce attori inconsapevoli, sconosciuti e isolati, accomunati dal fatto di guardare tutti insieme lo stesso cielo”. Luoghi dove il buongiorno e la buonanotte offrono gioie simmetriche e complementari.

Leggi anche

L'articolo Starsbox, quelle casette dove dormire sotto le stelle sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Veneto: sarà qui la prima spiaggia sperimentale post-Covid19?

Sarà in Veneto la prima spiaggia post Covid19 dell’estate 2020? L’Isola di Albarella si è candidata come azienda sperimentale per il piano di ripartenza promosso dalla Regione Veneto

Posta sulle coste del mare Adriatico settentrionale, nei pressi del Delta del Po e non lontana da Venezia, l’Isola di Albarella ha predisposto un piano di ripartenza per le sue spiagge, con varie misure atte a soddisfare i protocolli sanitari per prevenire i contagi di Covid19.

Sull’isola che dispone di una spiaggia di 350mila mq con ingresso limitato ai soli ospiti con prenotazione, verranno riservati spazi esclusivi agli ombrelloni fino a 40 mq per ciascuno, e verranno realizzate altre misure per la ripartenza contenute in un manuale di riapertura. Prima fra tutte, la nomina del Covid Manager di Albarella Srl, che sta operando dopo aver seguito un attento piano di formazione.

Oltre a questo, si legge nel comunicato, “saranno posizionati steward lungo gli accessi dello stabilimento balneare con postazioni dotate di dispositivi di sanificazione per le attrezzature spiaggia messi a disposizione gratuita degli ospiti”. Inoltre “sarà attuato un piano di sanificazione della spiaggia, che prevede igienizzazione dei camminamenti e dei lettini”.

La bozza del regolamento prevede tra le altre cose “percorsi separati di accesso agli ombrelloni e alla battigia da parte degli ospiti, l’obbligo di mascherine e ciabatte per gli spostamenti, distanziamento fino a 6 metri tra un ombrellone e l’altro, divieti di assembramento e mantenimento delle distanze di sicurezza”.

Anche per le aree giochi è prevista una recinzione con accessi controllati e presidiata da personale dell’animazione. Si sta definendo anche il programma di riapertura delle piscine con regole di accesso e controllo.

 

L'articolo Veneto: sarà qui la prima spiaggia sperimentale post-Covid19? sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Trekking (virtuali) tra riserve naturali e i sentieri italiani più belli

Diciamolo subito: mancano i profumi, i suoni, l’aria pura. La fatica e la soddisfazione di procedere con le proprie gambe. Ma ai tempi del Coronavirus il trekking virtuale può essere una consolazione e una via  alternativa di scoperta. Quindi, sì ai trekking (virtuali) con Google Street View: si ammirano panorami, si esplorano percorsi e meraviglie naturalistiche, e si programmano con maggiore cura e consapevolezza le prossime passeggiate reali che, presto, torneremo a fare.

Dal Monte Bianco alle Dolomiti alle isole, sono tantissimi i sentieri italiani lungo i quali ci si può mettere in cammino online grazie al Trekker Loan Program di Google Street View, che ha permesso a enti turistici e associazioni di prendere in prestito uno zaino tecnologico, dotato di 15 fotocamere, per scattare foto in luoghi accessibili solo a piedi e comporre mappe di sentieri virtuali, “navigabili” a 360 gradi.

Legambiente, lo scorso anno, è stata una delle realtà ad aderire al progetto. Così oggi possiamo scoprire, con qualche click, itinerari fra i più panoramici e spettacolari d’Italia, che si snodano tra terra e mare e portano nel cuore di riserve naturali. Come il Parco delle Cinque Terre, il Parco dell’Arcipelago toscano, il Parco nazionale di Pantelleria, il Parco regionale dell’Appia antica e il Parco naturale regionale dei Monti Simbruini.

Monastero di San Benedetto, Subiaco, Lazio (ph. iStock)

Trekking virtuali: i sentieri da percorrere online

Il Cammino di San Benedetto, l’Archeograb a Roma lungo l’Appia Antica e poi sentieri nelle Cinque Terre, sull’Isola d’Elba e a Pantelleria. Questi i percorsi mappati da Legambiente per far conoscere le bellezze ambientali d’Italia e promuovere la cultura del camminare, anche attraverso inedite esperienze e forme di turismo come quelle offerte da Google Street View.

Il cammino di San Benedetto e Roma antica

E allora partiamo dal cuore del Belpaese per un viaggio spirituale a piedi, lungo il Cammino di San Benedetto. Oltre 300 chilometri, tra Umbria, Lazio e Campania, da Norcia a Subiaco fino all’abbazia di Montecassino alla scoperta dei luoghi più significativi della vita del Santo, circondati da paesaggi di montagna. I monti Sibillini, i Monti Reatini e altre cime dell’Appennino. Tra i luoghi del cammino mappati da Legambiente, la Riserva Naturale di Monte Catillo con la “Sugherata di Sirividola” (un bosco di sugheri) e Subiaco, luogo benedettino arroccato su uno sperone di roccia calcarea affacciato sulla Valle dell’Aniene. Il borgo di Anticoli Corrado e due siti Unesco, a Tivoli: Villa Adriana e Villa D’Este, una romana, l’altra una villa rinascimentale, famosa per il meraviglioso giardino.

Siamo a due passi da Roma: qui si può immaginare di essere in bici e pedalare lungo l’Archeograb. Il tratto archeologico del GRAB (Grande Raccordo Anulare delle bici), un anello di circa 16 chilometri  attorno all’Appia Antica, consigliato anche agli appassionati della Roma classica.

LEGGI ANCHE: I più bei cammini d’Italia da Nord a Sud

I profumati sentieri dell’Isola d’Elba tra ginestre e macchia mediterranea (ph. iStock)

Elba, tra mare e macchia

Dalla storia della Via Appia alla macchia e l’azzurro dell’Isola d’Elba: il Santuario delle Farfalle è un’emozionante passeggiata tra pineta, ginestre e cartelli che illustrano oltre 50 specie di farfalle che si possono osservare qui. Colori e profumi pervadono l’aria e la natura è selvaggia lungo il Sentiero dei profumi, nell’entroterra, che prende il nome dalla quantità delle sensazioni olfattive offerte. E per chi vuole scoprire la parte meno esplorata dell’isola toscana ecco la passeggiata che porta al Monte Calamita e alle antiche miniere dell’Elba.

LEGGI ANCHE: Suoni della natura da ascoltare a casa

Percorsi a strapiombo sul mare, Cinque Terre, Liguria (ph. iStock)

Liguria, borghi e scorci mozzafiato

Altro paradiso tra mare e monti e meta ideale per gli appassionati di trekking, le Cinque Terre. Dove si può camminare lungo il Sentiero Verde Azzurro, immerso nella macchia mediterranea, affacciato sul mare  e diviso in tratti che collegano tutti i cinque borghi del Parco. Oppure l’impegnativa Alta Via delle Cinque Terre che si snoda tutto sul crinale, da Levanto a Portovenere, regalando dall’alto scorci mozzafiato su borghi e mare. Stesse emozioni ammirando il panorama dal Santuario di Nostra Signora di Montenero, a Riomaggiore, primo fra i cinque luoghi sacri che si raggiungono lungo la Via dei Santuari, da Riomaggiore a Monterosso.

LEGGI ANCHE: Viaggio virtuale nelle Oasi del WWF

Pantelleria dall’alto

Selvaggia, vulcanica e ricca di percorsi naturalistici.  A Pantelleria tra i sentieri mappati c’è quello che porta alla Montagna Grande (836 metri s.l.m), la vetta più alta al centro dell’isola. Ma per ammirare la Perla nera del Mediterraneo dall’alto si può arrivare anche in cima al Monte Gibele, un vulcano spento con il cratere coperto da flora spontanea.

Leggi anche

L'articolo Trekking (virtuali) tra riserve naturali e i sentieri italiani più belli sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Dubai a 360°: viaggio virtuale tra grattacieli, spiagge e fun park

Doveva essere la città dell’Expo 2020. Ma anche Dubai ha dovuto fare i conti con l’emergenza Coronavirus e rimandare il grande evento all’anno prossimo (le date previste sono dall’1 ottobre 2021 al 31 marzo 2022), oltre a cancellare i voli (la compagnia Emirates è stata la prima a introdurre test rapidi agli imbarchi). In tempi di viaggi virtuali, l’ufficio del turismo dell’Emirato ha creato un tour a 360° della città per visitare la città dei record, una delle migliori esperienze virtuali tra le numerose disponibili oggi.

Dubai360 Vista virtuale dal Burj Khalifa
Dubai360: Vista virtuale dal Burj Khalifa

Dalla cima del Burj Khalifa

Navigando per sezioni, si va alla scoperta delle sue architetture avveniristiche, come il Burj Khalifa che con i suoi 828 metri è il palazzo più alto del mondo, si entra nei lussuosissimi hotel e resort da Mille e una Notte per ammirarne i preziosi interni e si sale sui rooftop che regalano una vista spettacolare dello skyline della città da altezze vertiginose.

La vista del Dubai Creek

Voglia di natura e spazi aperti? Spostatevi (con il mouse) sulle lunghe spiagge di sabbia finissima e percorrete The Palm, l’isola artificiale a forma di palma che si allunga nel mare aperto, oppure seguite il Creek, il canale che attraversa la città, tra tradizioni locali e modernità.

Dubai360 Dubai Creek
Dubai360 Dubai Creek

Dubai virtuale anche con i bambini

Il tour di Dubai a 360° piacerà tanto anche ai bambini. La città, infatti, offre tante attrazioni anche per i più piccoli e sarà un divertimento anche per loro immergersi nei luoghi incredibili che offre. Ad esempio fare un giro per il Miracle Garden, un’immensa oasi arricchita da milioni di coloratissimi fiori dove è stata anche creata la pista da sci dello Ski Dubai; immergersi nel mondo fiabesco del parco Garden Glow con le sue incredibili installazioni; oppure, ancora, dare spazio alla fantasia nell’immensa Legoland con sei aree a tema costruite con i piccoli mattoncini. E per concludere in bellezza, concedetevi un giro in elicottero per ammirare Dubai dall’alto e allargare gli orizzonti anche stando a casa.

Leggi anche

L'articolo Dubai a 360°: viaggio virtuale tra grattacieli, spiagge e fun park sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Manifesto per il turismo: servono 750 milioni a fondo perduto

I promotori del Manifesto per il turismo italiano, Astoi Confindustria Viaggi e Fto-Confcommercio, insieme a diverse imprese del settore turistico e degli eventi, ribadiscono: serve uno stanziamento di almeno 750 milioni, a fondo perduto, entro giugno, per il sostegno al mancato reddito di aziende che hanno già perso oggi 9 mesi di fatturato annuo. Caduto [...]→ Leggi alla Fonte

GfK: fra le prime esigenze del dopo virus c’è il viaggio

A febbraio GfK ha attivato un tracking settimanale per misurare gli effetti del Coronavirus sugli stili di vita, le abitudini e le strategie di consumo degli italiani. I risultati delle ultime due settimane* mettono in luce alcune novità che riflettono l’evoluzione del sentiment degli italiani: Per il dopo crisi c’è voglia di ritorno alla normalità. [...]→ Leggi alla Fonte