La “nuova normalità” degli aeroporti nel dopo Covid-19: l’esempio di Adr

“Ci vorrà tempo per tornare a una normalità pre-crisi ma siamo pronti a ripartire e fare la nostra parte. Con una gradualità che è d’obbligo, perché la sicurezza medica e sanitaria deve restare la priorità”. Ivan Bassato, direttore operativo di Aeroporti di Roma, spiega in un’intervista all’Agi quale sarà la ‘nuova normalità’ degli aeroporti – nella [...]→ Leggi alla Fonte

Toscana, al via la legge per la valorizzazione dei cammini regionali

  Il turismo dei cammini sarà una opportunità importante per il turismo della Toscana quando sarà terminato il lockdown. Un punto a favore della Toscana che negli anni ha seguito un iter complesso. Ora la giunta regionale ha approvato il regolamento di attuazione della legge per il riconoscimento e la valorizzazione dei cammini regionali, la [...]→ Leggi alla Fonte

Coronavirus: i primi frutti dell’impegno delle agenzie di viaggio indipendenti

L’Ansa ha riportato, in un lancio di agenzia ieri attorno alle 20.00, che il “Movimento autonomo nazionale – agenzie di viaggio”, che conta circa 8000 iscritti, ha inviato una lettera al premier Conte, per denunciare le difficoltà del settore. Nella lettera si legge che «il turismo è stato il primo ad esserne economicamente colpito e, [...]→ Leggi alla Fonte

Aerolinee: i problemi ricadranno sull’intero comparto turistico

Non smette la serie di speculazioni sul dopo Corinavirus per il settore aeronautico. Idee, congetture, previsioni, ma l’unica cosa certa è che le compagnie sono tutte a terra o quasi. L’emergenza sanitaria rischia davvero di fa collassare il settore del trasporto aereo che senza dubbio ha tutte le possibilità di creare un effetto domino che [...]→ Leggi alla Fonte

San Francisco, Los Angeles e New York lanciano la campagna social “#ThroughMyWindow”

Sarebbe stato bello svegliarsi oggi a San Francisco, Los Angeles o New York,  guardare fuori dalla finestra dell’ albergo con l’unico pensiero di organizzare al meglio la giornata di vacanza. Invece no, in questi giorni difficili non abbiamo la possibilità di farlo e allora gli uffici del turismo di queste città americane hanno ben pensato [...]→ Leggi alla Fonte

Coronavirus: Lonely Planet chiude il suo quartier generale. Ma le guide sono salve

Mentre tutti ci chiediamo quando torneremo a viaggiare e che ne sarà delle nostre vacanze estive, ecco arrivare un’altra notizia dirompente per il mondo del turismo. Lonely Planet, l’editore delle guide di viaggio più famose del mondo, ha deciso di chiudere, quasi interamente, il quartier generale di Melbourne e la sede di Londra insieme alla divisione Trade and Reference e alla pubblicazione del magazine. Le storiche guide sono salve e continueranno ad essere prodotte presso le sedi di Dublino e di Nashville. Ma questo è solo un altro degli effetti dell’emergenza Covid-19 sul settore turistico messo a dura prova, in brevissimo tempo, dallo stop dei voli aerei, dalla chiusura dei confini e dalla quarantena per milioni di persone.

Un brand storico

Lonely Planet non è solo un marchio di guide turistiche. Non lo è mai stato. Fin da quel lontano 1973 quando Tony e Maureen Wheeler decisero di pubblicare la guida Across the Asia on the cheap, resoconto del loro viaggio da Londra all’Australia attraverso l’Asia, con mappe disegnate a mano e tanti consigli utili e a budget contenuto, per chi avesse voluto percorrere quelle strade.

Il successo della guida, venduta in 1500 copie, incoraggiò la coppia a pubblicarne altre su singoli Paesi da loro visitati. Il resto è storia. Una storia di successo editoriale, arrivando a conquistare il 31,5% del mercato globale del settore. Ma non solo. Perché da quel momento Lonely Planet è diventato anche uno stile che ha cambiato il modo di viaggiare di milioni di persone e lo spirito con cui visitare il mondo, supportato da tanti consigli e suggerimenti preziosi, raccolti e aggiornati costantemente da un esercito di autori sul campo.

Cambio di rotta

Come in un viaggio, Lonely Planet ha sempre saputo cogliere la strada indicata dai cambiamenti dei tempi. Accanto alle guide, pubblicate da EDT dall’inizio degli anni Novanta, è stata la prima a creare un blog ante litteram nel 1994, a cui è seguito, due anni dopo, la creazione di un sito web diventato da subito un punto di incontro per milioni di viaggiatori, un luogo dove scambiarsi informazioni, pareri e dritte per organizzare al meglio il proprio viaggio. Una community cresciuta sempre più negli anni e che, nel 2016, ha raggiunto i 10 milioni di utenti.

Oggi, l’emergenza ha costretto a cambiare la propria strada, in un modo un po’ drastico. Ma, no, non è la fine di un’era. E non appena potremo tornare a fare le valigie, ci rimetteremo in viaggio seguendo i tanti consigli utili e i suggerimenti di luoghi da non perdere. Con una “Lonely” a portata di mano.

Leggi anche

L'articolo Coronavirus: Lonely Planet chiude il suo quartier generale. Ma le guide sono salve sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Firenze Tv, il teatro a casa: Accorsi, Favino e gli altri in scena su Youtube

Il teatro. Tra lettura di classici e nuove performance, prosa e poesia. Ma anche la danza, la musica e l’arte, raccontata da Sergio Risaliti, direttore del Museo del Novecento. La Fondazione Teatro della Toscana porta la cultura a 360 gradi direttamente nelle nostre case con il progetto Firenze Tv, lanciato a marzo perché spettacolo, bellezza e vita non si fermino a causa del virus.

Stefano Accorsi, direttore artistico del Teatro della Pergola, Pierfrancesco Favino, Giancarlo Sepe, Gabriele Lavia, Andrée Ruth Shammah, Glauco Mauri, Giulio Scarpati, Vittoria Puccini, Isabella Ferrari, Giorgio Pasotti, Luca Argentero, Giorgio Panariello sono solo alcuni degli attori che hanno aderito all’iniziativa di andare in scena sul nuovo canale YouTube.  Con letture e interpretazioni in video, accessibili a tutti.

Ogni sera  il sipario si apre, virtualmente. Alle 20.45, come al Teatro della Pergola, capofila del progetto nato per rispondere all’appello del presidente della Fondazione Teatro della Toscana, Tommaso Sacchi, che in un’intervista ha sintetizzato così la nuova piattaforma virtuale: «Non possiamo andare in scena? Bene, allora andiamo in onda»

Stefano Accorsi tra i protagonisti dell’iniziativa Firenze TV

Il cartellone di Firenze Tv vede tra i protagonisti di queste sere Matilda De Angelis, tra le parole di Chandra Livia Candiani da La vita nuova  e le note di Make You Feel My Love di Bob Dylan, e Silvia Ajelli con due brani di Italo Calvino da Le città invisibili (il 16 aprile). Stefano Accorsi, che legge le Favole al telefono di Gianni Rodari (venerdì 17), e Fabrizio Gifuni, con Detective selvaggi di Roberto Bolano (sabato 18). E sono in arrivo Virgilio Sieni, Stefania Rocca, che legge  L’Arte della gioia di Goliarda Sapienza e Se una notte d’inverno un viaggiatore di Calvino, e Claudio Santamaria, con Tu mi sfuggi, lettera di Jack London ad Anna Strunsky.

Ma i video su Youtube si possono vedere e rivedere. Da non perdere per gli appassionati d’arte quelli di Sergio Risaliti dedicati ai maestri del Novecento italiano: Gino Severini, de Chirico, De Pisis, Lucio Fontana, Scipione, Antonio Donghi, Lucio Fontana, Virgilio Guidi sono gli artisti raccontati finora, ma l’appuntamento con l’arte c’è ogni lunedì.

Non solo grandi nomi e volti noti. Come si legge sul sito della Fondazione Teatro della Toscana, chiunque può proporre una performance teatrale o musicale, una lettura di prosa o poesia documentata in video. Perché Firenze Tv vuole essere un luogo condiviso, aperto al contributo di tutti gli appassionati.

Leggi anche

L'articolo Firenze Tv, il teatro a casa: Accorsi, Favino e gli altri in scena su Youtube sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Isole Faroe interattive: il viaggio è più bello (e realistico) di un videogame

Le Isole Faroe diventano un videogame. Anzi meglio: un’esperienza immersiva mai vista prima. In epoca di Coronavirus, l’ufficio del turismo dell’arcipelago incontaminato che si trova al largo dell’Atlantico, al 62° parallelo Nord tra Norvegia e Islanda, ha creato uno strumento di turismo innovativo, il primo nel suo genere: un sito per visitare il Paese in modo virtuale e interattivo.

Basta connettersi al sito Remote Tourism  con un cellulare, un tablet o un pc per partecipare a un viaggio interattivo. A casa, gli utenti controllano un joypad virtuale tipo Playstation. Sull’isola, un insider, collegato con una videocam al sito, segue letteralmente le istruzioni che arrivano da remoto: si sposta in avanti, in dietro, a destra o a sinistra. E in questo modo permette agli utenti di godersi i magnifici paesaggi delle Faroe: scogliere, cascate argentate, case dai tetti ricoperti d’erba, sentieri, piccoli borghi di pescatori e grandi vedute. Queste isole autonome del Regno di Danimarca sono il luogo giusto per evadere.

Come è nata l’idea

Guðrið Højgaard, direttore di Visit Faroe Islands, ha presentato il progetto messo al punto dal suo team: “All’inizio di questa crisi globale, ci siamo chiesti come ricreare un’esperienza di viaggio alle Isole Faroe che fosse il più reale possibile. Un’esperienza attiva e immersiva, dedicata a chi ha dovuto annullare o posticipare il viaggio alle isole o a tutti quelle che, chiusi tra gli spazi domestici, hanno voglia di sognare”.

Come funziona

Grazie a un joypad che si può attivare con il mouse o con un touch si può interagire con la persona sull’isola chiedendogli di correre, camminare, svoltare in una direzione o nell’altra. Con la guida che commenta e racconta il territorio si può andare a cavallo, in kayak o su un elicottero per avere una prospettiva a volo d’aquila su fiordi e campagna. Proprio come in un gioco di ruolo.

Un minuto a testa

“Durante i tour virtuali, che si svolgeranno quotidianamente durante il blocco di COVID-19, il team di Visit Faroe Islands sarà online in tempo reale per rispondere a qualsiasi domanda di approfondimento. Per capire meglio cosa si sta osservando. Per saperne di più sulla culture e le tradizioni di queste straordinarie isole. E per avere informazioni pratiche sull’organizzazione del prossimo viaggio possibile”. Ogni virtual trip dura un’ora (sul sito è indicato un countdown all’inizio di ogni viaggio) e le persone che partecipano avranno circa un minuto a testa per tenere i comandi.

L'articolo Isole Faroe interattive: il viaggio è più bello (e realistico) di un videogame sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Soluzioni estive: a Bibione arriva la grande spiaggia immersa nel verde

«Il mare dell’estate 2020 sarà l’elemento cardine della nostra resilienza e la migliore cura allo stress accumulato in queste lunghe settimane, in particolare per i bambini». Si esprime così Italo Farnetani, professore ordinario di pediatria e ideatore, nel 2008, della ricerca per l’assegnazione delle bandiere verdi alle spiagge adatte ai più piccoli; egli non ha [...]→ Leggi alla Fonte

Tenerife lancia la campagna promozionale “Torneremo”

Tenerife ha lanciato una campagna emotiva con un messaggio di ottimismo in questo periodo di confino. “Torneremo” è il leitmotiv di una campagna che attraverso l’ente del Turismo di Tenerife, vuole trasmettere un messaggio di ottimismo e speranza. L’elemento principale della campagna è un video che infonde fiducia nella destinazione. Con immagini suggestive dell’isola, il [...]→ Leggi alla Fonte