Msc: crociere gratis per gli appassionati di teatro

Crociere gratis per chi acquista abbonamenti di un anno a teatro. E’ l’inedita e originale promozione di Msc Crociere, che in questa fase di ripartenza si concentra su campagne ad hoc per intercettare segmenti selezionati di mercato. Nello specifico, un pubblico medio-alto spendente con spiccati interessi culturali. Lo ha raccontato, in occasione del Travel Open [...]→ Leggi alla Fonte

Qatar Airways, massima flessibilità in fase di prenotazione

Qatar Airways riconferma il proprio impegno nel garantire ai passeggeri opzioni di prenotazione flessibili disponibili per tutti i biglietti emessi prima del 31 dicembre 2020. I passeggeri che hanno bisogno di cambiare i loro piani di viaggio, possono: Mantenere i biglietti prenotati per un massimo di due anni dalla data di emissione; Beneficiare di un [...]→ Leggi alla Fonte

Omnia Hotels: con la ripartenza dell’Imperiale il 12 ottobre, tutte nuovamente operative le strutture del gruppo

E’ fissata per lunedì 12 ottobre la data di riapertura dell’hotel Imperiale in via Veneto a Roma, l’ultima in ordine cronologico del gruppo Omnia Hotels dopo il Donna Laura Palace, l’hotel Santa Costanza, il Grand Hotel Fleming e lo Shangri-La Roma, l’albergo che non ha mai chiuso le porte in questo difficile periodo per supportare [...]→ Leggi alla Fonte

Tour2000 lancia la collezione Eco&Glamping, esperienze in strutture ecosostenibili

Nasce una nuova collezione di viaggi firmata Tour200AmericaLatina dedicata a soggiorni imperdibili in glamping, campeggi di lusso, e eco lodge nei luoghi più esclusivi del Centro e Sud America, Messico e Caraibi per vivere esperienze uniche in strutture ecosostenibili immerse nella natura. Dormire sotto le stelle senza farsi mancare una cena gourmet e tutti i [...]→ Leggi alla Fonte

Academy di Quality Group, ricco programma di appuntamenti su formazione ed intrattenimento

Dopo il successo riscosso durante il trimestre aprile-giugno 2020, grazie ai 120 webinar seguiti da oltre 6000 agenti di viaggio, il 28 settembre ha riaperto i battenti l’Academy del Quality Group. Sempre ricco il calendario di appuntamenti di formazione dedicati settimanalmente agli agenti nella nuova fascia oraria delle ore 14, cui fino a fine maggio [...]→ Leggi alla Fonte

Vacanza alle Canarie: cosa fare e cosa vedere a Fuerteventura

Vacanza alle Canarie: cosa fare e cosa vedere a Fuerteventura
MangiaViaggiaAma

Mentre le giornate si accorciano e le temperature iniziano a scendere, io ne approfitto per tornare con la memoria a uno di quei luoghi dove noi italiani amiamo fuggire alla ricerca di una perenna primavera: le Canarie. Dopo avervi raccontato cosa vedere a Lanzarote, in questo secondo post vi porto sulla seconda isola che ho visitato nel corso di quel viaggio, distante appena mezz’ora di traghetto.

Cosa fare e cosa vedere a Fuerteventura

Cosa vedere a Fuerteventura: Corralejo

Le spiagge da non perdere

Le dune di Corralejo

Inutile negarlo, il principale motivo per cui si visita Fuerteventura sono le sue ampie spiagge. E come non iniziare a citare le più belle se non da una distesa di dune di sabbia lunga 10 chilometri? Quest’area che si trova immediatamente a sud della cittadina di Corralejo è oggi Parco Naturale, si attraversa in auto percorrendo la strada costiera e fermandosi quando e quanto si preferisce. L’area settentrionale è occupata da qualche spiaggia attrezzata, mentre man mano che si scende il panorama diventa sempre più selvaggio.

El Cotillo

Spostandoci sulla costa occidentale, troviamo il piccolo paese di El Cotillo che offre diverse spiagge a poca distanza una dall’altra. Verso nord ci sono La Concha, di sabbia chiara, o Los Charcos dove pozze d’acqua limpida si formano tra le rocce nere. A sud troverete invece Playa del Castillo, del Aguila e de Esquinzo, tutte note soprattutto tra i surfisti perché il mare è spesso molto mosso. Se non avete voglia di oziare in spiaggia, potete anche scegliere di passeggiare fino al faro El Toston, circa 5 km a nord rispetto a El Cotillo.

Sotavento

Da nord a sud, dopo Costa Calma sarà impossibile non notare lo spettacolo di Sotavento: chilometri di spiaggia che cambiano completamente aspetto a seconda della marea. Quando l’acqua si alza, infatti, si crea una piccola laguna che separa la costa da una striscia di sabbia che pare quasi sospesa in mezzo al mare. È un paradiso per le lezioni di kite surf, specie per i principianti, perché l’acqua che si accumula con l’alta marea è bassa, tranquilla e decisamente più calda rispetto a quella esterna.

Spiaggia di Sotavento

Morro Jable

Sulla punta meridionale dell’isola si trova la cittadina di Morro Jable, di per sé non uno spettacolo (ma gran parte delle città qui alle Canarie sono agglomerati di cemento, con enormi alberghi ben poco attraenti) che offre però un’altra lunghissima spiaggia che merita la sosta.

Cofete

Ma la spiaggia che più ho amato a Fuerteventura è senz’altro lei: Cofete. Remota, selvaggia e assolutamente imperdibile, forse deve la sua bellezza proprio al fatto di essere così “difficile” da raggiungere. In realtà difficile non è la definizione più corretta, ma bisogna organizzarsi a dovere. Da Morro Jable serve quasi un’ora per arrivare a Cofete, attraverso una strada sterrata e con lunghi tratti senza guardrail, perciò servono pazienza, possibilmente un’auto adatta (ma ho visto varie Fiat 500 percorrerla, con le dovute cautele) e tanta attenzione. In zona – non sulla spiaggia ma un po’ rientrato – c’è un unico ristorante con pochi tavoli, perciò se volete trascorrere qui la giornata assicuratevi di portare cibo e acqua. 

Se poi proprio non ve la sentite di guidare fino a qui, ci sono delle escursioni organizzate e dei bus-fuoristrada in partenza da Morro Jable.

Cofete Fuerteventura

L’isola di Lobos

Ottime spiagge si possono trovare anche sulla piccola isola di Lobos, a un quarto d’ora da Corralejo – qui trovate orari e costi del traghetto. L’isolotto è disabitato e c’è un solo ristorante, perciò ricordate di portare con voi cibo e acqua o di prenotare un tavolo appena arrivati. Le principali attrazioni, dalle spiagge alle saline fino alle formazioni vulcaniche, si visitano percorrendo a piedi un sentiero lungo poco più di 5 km. Se viaggiate in alta stagione cercate di arrivare (e rientrare) presto, perché può diventare molto affollato. 

I villaggi costieri e l’entroterra

Se le cittadine di Fuerteventura non mi fanno impazzire, ci sono però alcuni piccoli villaggi sulla costa che invece mantengono un loro fascino. La stessa El Cotillo che vi ho nominato più su è uno di questi, con diversi ristoranti affacciati sul mare e un’atmosfera rilassata. Poco distante si trova Lajares, che sembra votata ad attrarre in particolare gli sportivi: ci sono vari alloggi, locali alla moda, negozi di abbigliamento e attrezzatura da surf, tutto con un retrogusto un po’ hippie.

Nella zona centrale dell’isola si trovano poi da un lato Pozo Negro e dall’altro Ajuy, da cui si raggiungono con una breve passeggiata delle grotte scavate nella scogliera. Entrambe sono ottime soste per un pranzo o una cena. 

Nell’entroterra invece vale la pena nominare La Oliva, famosa soprattutto per il mercato del martedì e venerdì mattina, e Betancuria, il vecchio capoluogo di Fuerteventura e primissimo nucleo abitato di tutto l’arcipelago. Anche in questo caso si tratta di un borgo piccolissimo, ma i suoi edifici bianchi circondati da palme nel bel mezzo del nulla la rendono davvero particolare. 

Pozo Negro

Come arrivare e come muoversi

Fuerteventura si raggiunge in aereo dall’Italia con circa 4 ore di viaggio, ad esempio con Ryanair da Milano e Bologna o con Easyjet sempre da Milano. In alternativa è possibile volare a Lanzarote e unire la visita delle due isole, separate da circa mezz’ora di traghetto come vi avevo già raccontato in questo articolo -> Cosa vedere a Lanzarote

Si tratta di un’isola molto estesa, dove vi sarà indispensabile un mezzo per gli spostamenti. Vi consiglio come sempre di confrontare le tariffe delle varie compagnie di noleggio su Autoeurope e Rentalcars. 

Fuerteventura in camper

Un’altra opzione potrebbe essere quella di visitare Fuerteventura in camper, in modo da poter anche ottimizzare gli spostamenti dormendo in aree diverse dell’isola – tenete presente che da Corralejo a Morro Jable si guida per più di un’ora e mezza.

A questo proposito ne approfitto per consigliarvi un sito che sto seguendo da un po’, anche se non ho ancora avuto modo di testarlo in prima persona: si tratta di Goboony, un portale dedicato al noleggio camper tra privati, perciò una sorta di Airbnb su ruote. Si confrontano gli annunci, si contatta il proprietario e una volta deciso quale camper noleggiare si procede con la prenotazione attraverso il sito, che garantisce i pagamenti, l’assicurazione ed eventuale assistenza in caso di problemi. Un’ottima opzione quindi per provare l’esperienza del camper senza possederne uno, con tutte le tutele necessarie. 

Vacanza Fuerteventura

Dove dormire a Fuerteventura

Il primo consiglio che mi sento di darvi è di suddividere le notti in due grandi zone: nord e sud. Le distanze infatti sono piuttosto impegnative, perciò dormire in zona Corralejo e arrivare ad esempio a Cofete in giornata diventa molto stancante.

A nord, potrete cercare una struttura a Corralejo, la cittadina più animata e ricca di servizi, a Lajares se cercate un’atmosfera rilassata e guest house dove alloggiano soprattutto surfisti e sportivi, o El Cotillo per una località rilassante senza rinunciare a qualche ristorantino per cena. A sud, Morro Jable è frequentata soprattutto da famiglie mentre Costa Calma attira in media un turismo più giovane. Potete dare un’occhiata ad esempio a Casa Nami a El Cotillo e all’appartamento Presidente a Costa Calma.

Dove mangiare

Dei piatti tipici delle Canarie vi ho già parlato nel post su Lanzarote, perciò in questo caso mi limiterò a consigliare un paio di indirizzi in cui ho mangiato bene:

  • Casa Santa Maria, ristorante elegante nel centro di Betancuria, perfetto per un’occasione speciale;
  • Nomads a Morro Jable: non sarà cucina tradizionale spagnola, ma preparano hamburger fantastici (e ogni tanto va bene anche variare);
  • Pastelerias El Goloso e Paneteca, entrambe pasticcerie a Lajares per una sosta golosa.

Dove mangiare a Fuerteventura

Vacanza alle Canarie: cosa fare e cosa vedere a Fuerteventura
MangiaViaggiaAma

Leggi alla Fonte

Alitalia ha riaperto i voli da Pescara a Milano Linate

Alitalia ripristina oggi il collegamento diretto fra Pescara e Milano: il primo volo per Linate è decollato dall’aeroporto d’Abruzzo questa mattina alle 7, mentre il primo volo da Milano è partito ieri sera alle 19:15 e atterrato a Pescara alle 20:25. I collegamenti fra Pescara e Milano saranno attivi tutti i giorni alla settimana, ad [...]→ Leggi alla Fonte

World Explorer punta sul Belpaese: in arrivo il brand Italian Explorer

Anche quest’anno World Explorer conferma la propria presenza a Rimini per presentarsi al Ttg Travel Experience 2020, dal 14 al 16 ottobre prossimi. L’operatore milanese è infatti convinto che oggi più che mai sia necessario essere presenti e soprattutto mostrarsi uniti. «Abbiamo pensato che, dopo mesi così difficili – commenta Alessandro Simonetti, general manager World [...]→ Leggi alla Fonte

Torna a Milano lo Yoga Festival: 2 weekend, dal vivo e online

Partito da Milano 15 anni fa, quando i praticanti di yoga in Italia erano una nicchia, lo YogaFestival ha dato un grosso contributo alla diffusione di quella che oggi è una delle discipline più in crescita nel mondo. Basta dire che durante il lockdown  il sito americano Stackline ha registrato un +154% nella vendita di tappetini e altri accessori per la pratica.

Un traguardo importante per il primo evento di yoga in Italia, motivo in più per tornare con un’edizione dal vivo, e un format ripensato per garantire il rispetto delle disposizioni anti-Covid. Così, quest’autunno, YogaFestival Milano si sdoppia: due weekend, il 3-4 e il 10-11 ottobre, e due modalità. Live al SuperstudioPiù di via Tortona, dove tutto è iniziato 15 anni fa, e online sui canali social della manifestazione.

Rinascere con lo yoga: il tema del festival

Distanziamento e misure di sicurezza non sono l’unica sfida. Come lo yoga può aiutare in tempi di crisi e incertezza è la domanda al centro dell’edizione 2020 dello YogaFestival, intitolata Ri/nascere e incentrata sulla questione del momento: la ripartenza.

“Mai come quest’anno, in un momento di ripensamento globale della nostra società e del nostro modus vivendi, sentiamo l’importanza di mostrare quanto lo Yoga possa aiutarci a costruire nuovi equilibri”, spiega Giulia Borioli, fondatrice del festival. 18 ospiti, fra gli insegnanti più noti dello yoga italiano, sono stati invitati a riflettere sul tema e a declinarlo nelle masterclass e negli incontri in presenza, cuore del programma.

L’insegnante Piero Vivarelli sarà presente allo YogaFestival 2020. Foto YogaFestival

Leggi anche: Canada: lo yoga anti coronavirus? Si fa nella bolla

YogaFestival Milano 2020: il programma

24 workshop, rigorosamente su prenotazione (su yogafestival.it), si svolgeranno live al SuperstudioPiù. Classi di oltre 2 ore finalizzate a ritrovare stabilità ed equilibrio fisico e mentale, a risvegliare nuove energie per affrontare il cambiamento, ma anche ad attivare il sistema immunitario. Tema al quale sono dedicati due seminari domenica 10 ottobre: con Carla Nataloni, insegnate di Yoga Ormonale, e con Ram Rattan Singh, medico e insegnante di Kundalini Yoga.

A dare il via al festival, sabato 3 ottobre, è un “Maestro”: Antonio Nuzzo, presenza storica della kermesse milanese e rappresentante dello yoga della tradizione, che da Roma arriva a Milano con due seminari incentrati sulla purificazione. Il “mezzo più efficace per “ripartire”. Posto d’onore anche per Gabriella Cella e il suo Ratna Yoga, messo a punto in oltre 40 anni  d’insegnamento.

Foto YogaFestival

In un’edizione che punta sul meglio dei primi 15 anni di YogaFestival non poteva mancare Piero Vivarelli, seguitissimo insegnante di Anusara Yoga, che guiderà un workshop sulla gioia come risorsa interiore da riscoprire (sabato 3).

Torna al festival anche Anna Inferrera, sabato 3, con una pratica che integra yoga e musica dal vivo. E ancora  Jacopo Ceccarelli, con due seminari di Anukalana Yoga, Selene Calloni Williams, esperta di Yoga sciamanico, Cristina Rapisarda Sassoon, che presenterà il libro Vita da Yogi. Perché lo Yoga può rendere più felici (RED edizioni). Tra le poche presenze internazionali, David Sye, direttamente da Londra.

Leggi anche: Photofestival: Milano riparte dalla fotografia d’autore

YogaFestival Milano  2020: 2 weekend di freeclass online

Le lezioni gratuite – momento più affollato del festival – quest’anno si spostano sul web. 16 freeclass  per tutti i livelli, con alcuni dei migliori insegnanti delle scuole milanesi, da seguire liberamente, senza prenotarsi, sul sito e sui canali social di YogaFestival.

Leggi anche: Hotel con Spa. 20 mete per rilassarsi in autunno

Leggi anche

L'articolo Torna a Milano lo Yoga Festival: 2 weekend, dal vivo e online sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Evolution Travel lancia una nuova polizza anti-Covid

Una nuova copertura, attiva per ogni tipo di patologia che rende impossibile prendere parte a un viaggio, ma che, nello specifico, è stata pensata per chi, sintomatico o asintomatico, dovesse risultare positivo a ridosso della partenza, dopo essersi sottoposto al tampone. E’ la nuova polizza che Evolution Travel ha sviluppato, grazie a un accordo con Ima [...]→ Leggi alla Fonte