Horca Myseria, early booking per vacanze a Bora Bora in catamarano

Horca Myseria navigherà infatti a bordo di due catamarani gemelli tra le isole alte: Raiatea, Tahaa, Huahine e, appunto, l’incredibile Bora-Bora. Ognuna circondata da un anello di reef che forma lagune di superba bellezza contro cui frange l’onda dell’oceano Pacifico, producendo un suono che fa da sottofondo ad ogni aspetto della vita polinesiana. Interessanti escursioni alle piantagioni di vaniglia piuttosto [...]→ Leggi alla Fonte

Tgv Milano-Parigi, sospensione del servizio dal 18 marzo

SNCF Voyages Italia, in conseguenza alle misure per il contenimento del Covid-2019 disposte dalle autorità italiane e francesi, ha deciso la sospensione del servizio ferroviario TGV Milano-Parigi a partire da mercoledì 18 marzo. Il provvedimento avrà validità fino a nuove indicazioni sull’emergenza sanitaria da parte delle autorità. A partire dal 9 marzo il servizio era [...]→ Leggi alla Fonte

Emilia Romagna a casa tua: 10 cose da fare per sentirsi subito lì

Nostalgia acuta dell’Emilia Romagna?  Niente paura: Turismo #inEmiliaRomagna offre tantissime attività che si possono svolgere  senza fare un passo fuori dalla propria abitazione. Della regione c’è tanto da scoprire anche da lontano, grazie alla rete. Ecco una lista di cose da ascoltare o guardare, selezionate per portare tutto il bello dell’offerta turistica ovunque, a chiunque. L’elenco è in continuo aggiornamento: vedi il  Link  Emilia Romagna a casa tua  

Cultura a domicilio

“Cultura a Domicilio” è il progetto del Comune di Rimini che coinvolge, con la realizzazione di brevi contributi video, attori, scrittori, musicisti, cantanti, intellettuali e sportivi del luogo.  La prima puntata per esempio è la top 10 dei libri da non perdere secondo il celebre scrittore riminese Marco Missiroli. Qui il link You Tube 

 

Emilia Romagna a casa tua

Le web serie

Dopo #RomagnoliDOP, la nuova webserie di Paolo Cevoli “La Bibbia. Il video dei videi” racconta la situazione  che stiamo tutti vivendo facendo delle connessioni con alcuni pezzi tratti dal suo spettacolo teatrale “La Bibbia raccontata nel modo di Paolo Cevoli”. Qui il link alla pagina Facebook del comico romagnolo.

Le visite virtuali al Teatro Galli di Rimini

Sul sito del turismo della città di Rimini sono consultabili online attraverso mappe interattive quattro diversi itinerari all’interno della città, mentre sul sito del Teatro Galli è possibile compiere un vero e proprio tour virtuale attraverso le scenografiche sale dell’edificio. Da non perdere:  Qui il link 

Emilia Romagna a casa tua: i video

Sulle piattaforme come RaiPlay, MediasetPlay e YouTube ci sono molti video dedicati all’Emilia-Romagna. Come, ad esempio, quello dedicato ai sotterranei di Bologna.

Emilia Romagna a casa tua

I tour con Google Art & Culture

 Google Art&Culture permette di scoprire più vicino di quanto non si potrebbe addirittura fare dal vivo le opere presenti in numerosi musei del territorio, con focus sui dettagli di singoli quadri. Per esempio, a Bologna si può passeggiare virtualmente dentro l’Accademia di Belle Arti  (link qui) e a Faenza esplorare a distanza  il Museo Internazionale delle Ceramiche (vedi link).

Tutti all’Opera

A Reggio Emilia Il MamimòTeatro Piccolo Orologio mette a disposizione 13 spettacoli on demand. Il canale YouTube Opera Streaming permette di godersi l’opera lirica (Bohème, Falstaff, Turandot, Cavalleria Rusticana e Pagliacci) anche restando a casa. Questo il link: YouTube Opera Streaming    E poi ci sono anche i concerti di musica classica realizzati in streaming dal Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma e dall’Orchestra Luigi Cherubini di Ravenna.

Emilia Romagna a casa tua

Emilia Romagna a casa tua: Reggiane Urban Gallery

A Reggio Emilia, Reggiane Urban Gallery è una galleria virtuale, realizzata in fotografie sferiche, che permette di scoprire le opere di street art e writing custodite nel complesso industriale delle ex-Officine Reggiane.

Emilia Romagna a casa tua: i fumetti

Si chiama #unaquarantenadifumetti  ed è  un’idea di Coconino Press e MiBACT.  Grazie alla collaborazione tra MiBACT, Musei Italiani e Coconino Press sono gratuitamente a disposizione su issuu.com/coconinopress@fumettineimusei: ogni settimana 6 albi da leggere da casa.

I podcast

L’offerta comprende 26 brani che raccontano altrettanti luoghi meravigliosi della regione, raccontati da scrittori, poeti, studiosi e artisti: è la rubrica “Le meraviglie – Emilia-Romagna” di Rai Radio 3, disponibile in podcast. Altri podcast, di Radio Emilia Romagna: La casa natale di Giuseppe Verdi a Roncole di Busseto (PR), Il Museo al Deportato gestito dalla Fondazione Fossoli a Carpi, A spasso con Fellini  a Rimini,  solo per citarne alcuni. Tra gli altri podcast di Radio Emilia Romagna potete ascoltare anche le puntate dedicate al gastronomia e ai prodotti tipici – la rubrica La Cultura del Gusto – e la rubrica dedicata ai Racconti d’Autore.

Emilia Romagna a casa tua. La cultura non si ferma

#LaCulturaNonSiFerma è l’iniziativa dell’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna per portare la cultura dentro le nostre case con una striscia quotidiana tutti i giorno dalle 18:00. L’apertura degli appuntamenti è con I Live MEI, un progetto del MEI – Meeting degli Indipendenti  con appuntamenti musicali in streaming a cura di artisti indipendenti ed emergenti dell’Emilia-Romagna. La rubrica prosegue poi con cortometraggi, documentari e una ricca selezione cinematografica, per accompagnarci fino alla sera. Il programma del giorno viene pubblicato quotidianamente sul portale emiliaromagnacreativa.it. 

(Per altre informazioni scrivere a inemiliaromagna@aptservizi.com).

 

Leggi anche

L'articolo Emilia Romagna a casa tua: 10 cose da fare per sentirsi subito lì sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Coronavirus, italiani all’estero: cosa fare per rientrare in Italia

Non solo turisti. Se di loro si stanno facendo carico, in gran parte, i tour operator (leggi qui), sono molti di più gli italiani che stanno cercando un modo per rientrare in Italia: lavoratori in trasferta, studenti Erasmus, ricercatori, giornalisti, cooperanti, sportivi. E c’è anche qualcuno che, pur vivendo stabilmente all’estero, sta meditando una “fuga”, in seguito alla diffusione ormai endemica del Coronavirus e alle preoccupanti scelte politiche e alle strategie sanitarie (non) adottate dai rispettivi Paesi di residenza. Gran Bretagna in testa.

Ecco, dove seguire le ultime notizia e le informazioni utili per chiedere il rimpatrio.

Voli speciali per il rimpatrio dall’estero

La Farnesina sta chiedendo alle compagnie aeree di attivare voli speciali per permettere il rientro in Italia ai connazionali che si trovano in altri Paesi che hanno sospeso i voli internazionali. Tutte le info sulla pagina dedicata ai voli speciali nel sito del Ministero degli Affari esteri.
Per maggiori informazioni sulle tratte disponibili, è bene visitare anche i siti delle compagnie coinvolte nell’operazione, come Alitalia, Neosair e Blue Panorama.

Italiani all’estero: cosa fare per rientrare in Italia

La prima raccomandazione è quella di fare riferimento al sito dell’Unità di crisi della Farnesina, viaggiaresicuri.it (è disponibile anche una app sia per dispositivi Android che iOS), chiamare il numero +39.06.36225 e mandare una mail a unita.crisi@esteri.it.

Su viaggiaresicuri.it c’è un focus su ogni Paese, con aggiornamenti della scheda in tempo reale. Ma vi sono indicazioni specifiche relative anche al tipo di viaggio che si è intrapreso. Collegato al sito, c’è anche un portale dove registrare la propria presenza fuori dai confini nazionali, in modo da venire rapidamente rintracciati e contattati dal ministero degli Affari esteri in caso di emergenza: dovesiamonelmondo.it permette anche di specificare i motivi per cui ci si trova all’estero.

Il rimpatrio di studenti e lavoratori in trasferta

Se si è uno studente, è bene contattare anche la propria università italiana: molti atenei hanno stipulato una convenzione con l’Unità di crisi della Farnesina, per dare vita ad azioni sinergiche. Così come è stato, da tempo, attivato un canale dedicato alle imprese, per garantire la massima sicurezza ai propri lavoratori in trasferta. Canale oggi più che mai utile, in periodo di emergenza.

Per rientrare in Italia in tempi rapidi è bene anche consultare i siti delle ambasciate italiane all’estero, che forniscono informazioni più precise e indicazioni pratiche per il rimpatrio. Ad esempio, ecco come organizzare il rientro dalla Spagna, seguendo le indicazioni diramate dall’ambasciata italiana a Madrid.

Leggi anche

L'articolo Coronavirus, italiani all’estero: cosa fare per rientrare in Italia sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Italiani all’estero, i tour operator Astoi accusano la Farnesina: caos rimpatri

Sono quasi ventimila gli italiani all’estero già rientrati dopo l’inizio della crisi generata dalla diffusione del coronavirus Covid-19 e la Farnesina sta lavorando per riportare a casa tutti, con voli commerciali (prevalentemente Alitalia) e traghetti (qui l’aggiornamento di corriere.it).

Italiani all’estero: cosa sta facendo il ministero degli Esteri

Serrate le trattative con i singoli Paesi per ottenere gli slot per le partenze, più complicate per via della cancellazione massiccia di voli e anche dei nuovi controlli alle frontiere, reintrodotti persino nella stessa area Schengen. «Stiamo lavorando per risolvere i problemi di tutti. Sono giornate delicate ma stiamo rispondendo a questa crisi con tempestività», ha dichiarato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

SEGUI QUI gli ultimi aggiornamenti sui rimpatri

Rimpatri e assistenza all’estero: le critiche dell’associazione dei tour operator

Di tutt’altro parere Astoi, l’associazione di categoria dei tour operator aderente a Confindustria: «Si evidenzia, al contrario, l’assenza e l’inefficacia del ministero si legge nel comunicato diramato in data 15 marzo – Il supporto dato dalla maggior parte delle ambasciate e dai consolati è stato praticamente nullo; è possibile affermare senza timore di smentita che il network diplomatico si è dimostrato impreparato, distante e certamente di poco aiuto. L’associazione ha chiesto ripetutamente, sin dall’inizio dell’emergenza, un tavolo di coordinamento permanente con la Farnesina, per mettere a fattore comune informazioni utili e per svolgere un raccordo efficace tra tour operator e istituzioni, ma ad oggi non è stata ancora identificata una data».

Italiani all’estero: il ruolo dei tour operator nella crisi

L’Astoi rivendica il ruolo fondamentale dei tour operator, che si sono accollati la gestione dei rimpatri e i relativi costi: «Ben 12.000 italiani sono stati riportati in Italia con l’invio di voli charter vuoti, su 134 tratte aeree.  A questi si aggiungono altri 10.000 connazionali che sono stati gestiti attraverso riprotezioni su voli di linea», si legge ancora nel comunicato.

Accuse pesanti su cui, ad oggi, la Farnesina – da noi contattata per una replica – non ha ancora dato una risposta. Non siamo riusciti ad avere risposte dettagliate nemmeno sul numero di italiani ancora all’estero, sulle  linee guida diramate alle ambasciate e ai consolati per l’assistenza in loco e su come, concretamente, chiedere il rimpatrio.

L’assistenza di Neos ai turisti italiani

Gran parte degli italiani rimpatriati da tour operator afferenti ad Astoi sono rientrati con voli organizzati da Neos, la compagnia aerea del Gruppo Alpitour: ha già operato 71 rotazioni in tutto il mondo e ha riportato a casa oltre 17.000 persone ad oggi. Una missione svolta da inizio gennaio, insieme all’assistenza più generale fornita a oltre 20.000 viaggiatori. Una missione che proseguirà con voli speciali, in cooperazione con l’Unità di crisi della Farnesina per permettere ad altri connazionali di rimpatriare da Canarie, Marocco e Caraibi. Vengono, inoltre, supportate altre società nelle operazioni di rimpatrio da Point a Pitre (Guadalupa) verso Francia, Belgio, Germania, Brasile e Argentina.

Italiani all’estero: cosa fare per rientrare

Vale sempre la raccomandazione generale di fare riferimento al sito dell’Unità di crisi della Farnesina, viaggiaresicuri.it (è disponibile anche una app sia per dispositivi Android che iOS), chiamare il numero +39.06.36225 e mandare una mail a unita.crisi@esteri.it.

Sullo stesso sito vengono pubblicati aggiornamenti in tempo reale con schede dedicate a ogni Paese. Ma è bene anche consultare i siti delle ambasciate italiane all’estero, che forniscono informazioni più precise e indicazioni pratiche per il rimpatrio. Ad esempio, ecco le informazioni per organizzare il rientro dalla Spagna, diramate dall’ambasciata italiana a Madrid.

(ha collaborato Carmen Rolle)

Leggi anche

L'articolo Italiani all’estero, i tour operator Astoi accusano la Farnesina: caos rimpatri sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Ana posticipa al 16 gennaio il volo diretto Malpensa Tokyo Haneda

A seguito del diffondersi dell’epidemia di Covid-19 e per rispondere al contrarsi della domanda, All Nippon Airways (ANA), la più grande compagnia aerea giapponese e vettore 5-Star per sette anni consecutivi, ha modificato il suo operativo fra il 29 marzo e il 24 aprile 2020. Il nuovo volo diretto da Milano Malpensa per Tokyo Haneda [...]→ Leggi alla Fonte

Brussels Airlines sospende i voli fino al 20 aprile. Disoccupazione tecnica per il personale

A causa dalla crisi mondiale del Coronavirus, Brussels Airlines ha deciso di sospendere temporaneamente le sue operazioni di volo dal 21 marzo 2020. Da adesso in poi, le operazioni di volo di Brussels Airlines saranno gradualmente ridotte in modo controllato e strutturato al fine di portare passeggeri ed equipaggi a casa. La decisione di Brussels [...]→ Leggi alla Fonte

Alcune aziende di affitti a breve termine ospitano medici e infiermieri

Altido, CleanBnB, Halldis, Italianway, Sweetguest e Wonderful Italy, sei delle principali aziende italiane di gestione di appartamenti per affitti a breve termine, hanno stipulato un accordo per supportare lo sforzo del personale medico e infermieristico impegnato a contrastare la diffusione del Coronavirus e contribuire, con la propria attività di gestori professionali al drammatico momento che [...]→ Leggi alla Fonte

Castello di Padernello, aperture serali e visite guidate da aprile ad ottobre

Grazie alle aperture serali il castello di Padernello (nei sabati del 18 aprile 2020, 16 maggio, 20 giugno, 25 luglio, 19 settembre e 10 ottobre)  l’antico e originale ponte levatoio del castello scenderà sul fossato per aprire l’ingresso al suo intreccio di epoche, di opere d’arte e di personaggi storici, ai visitatori notturni che sceglieranno [...]→ Leggi alla Fonte

Data Appeal Company offre i propri strumenti di formazione gratuitamente

The Data Appeal Company ha deciso di fare la propria parte per aiutare gli operatori ad affrontare questa situazione e prepararsi alla ripresa.  Con l’iniziativa “United for the Travel Industry” fino al fino al 30 giugno The Data Appeal Company, attraverso Travel Appeal, il brand dedicato al mondo del turismo, ha deciso di offrire a [...]→ Leggi alla Fonte