Maldive: bloccato l’ingresso dei viaggiatori italiani

Anche le Maldive hanno bloccato l’ingresso dei viaggiatori italiani nell’arcipelago, nell’ambito delle misure adottate per la prevenzione del contagio da Covid-19. Come si legge sul sito ViaggiareSicuri.it è in vigore il “divieto di ingresso per i viaggiatori provenienti o in transito dall’Italia nei 14 giorni precedenti l’arrivo alle Maldive a partire dalle 23.59 di sabato [...]→ Leggi alla Fonte

Coronavirus: gli impianti del Dolomiti Superski chiudono definitivamente l’11 marzo

Coronavirus: gli impianti del Dolomiti Superski chiudono definitivamente l’11 marzo. Martedì 10 sarà l’ultimo giorno di sci: per fronteggiare l’emergenza coronavirus, il Dolomiti Superski ha deciso di chiudere da mercoledì tutti gli impianti di risalita. Il presidente della provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha definito la chiusura anticipata “un atto di responsabilità e di solidarietà”. Il proposito di albergatori e impiantisti è di evitare che tutto il Sudtirolo venga dichiarato “zona rossa”.

Coronavirus: gli impianti del Dolomiti Superski chiudono

Il Dolomiti Superski, fiore all’occhiello dello sci nel nostro Paese, comprende 12 aree sciistiche, 450 impianti di risalita e 1200 km di piste da sci. Dopo l’affollamento di sabato scorso, le piste si sono svuotate improvvisamente nella giornata di domenica e diversi alberghi della Val Badia e della Val Gardena hanno chiuso in anticipo. Per contrastare l’emergenza coronavirus, sono già stati chiusi gli impianti di risalita in Lombardia e in Valle d’Aosta. Per chi volesse conoscere quali  iniziative sono scattate  in tutta Italia per sostenere il turismo durante l’emergenza, ecco un link al nostro servizio.  

Leggi anche

L'articolo Coronavirus: gli impianti del Dolomiti Superski chiudono definitivamente l’11 marzo sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Coronavirus: gli impianti del Dolomiti Superski chiudono definitivamente l’11 marzo

Coronavirus: gli impianti del Dolomiti Superski chiudono definitivamente l’11 marzo. Martedì 10 sarà l’ultimo giorno di sci: per fronteggiare l’emergenza coronavirus, il Dolomiti Superski ha deciso di chiudere da mercoledì tutti gli impianti di risalita. Il presidente della provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha definito la chiusura anticipata “un atto di responsabilità e di solidarietà”. Il proposito di albergatori e impiantisti è di evitare che tutto il Sudtirolo venga dichiarato “zona rossa”.

Coronavirus: gli impianti del Dolomiti Superski chiudono

Il Dolomiti Superski, fiore all’occhiello dello sci nel nostro Paese, comprende 12 aree sciistiche, 450 impianti di risalita e 1200 km di piste da sci. Dopo l’affollamento di sabato scorso, le piste si sono svuotate improvvisamente nella giornata di domenica e diversi alberghi della Val Badia e della Val Gardena hanno chiuso in anticipo. Per contrastare l’emergenza coronavirus, sono già stati chiusi gli impianti di risalita in Lombardia e in Valle d’Aosta. Per chi volesse conoscere quali  iniziative sono scattate  in tutta Italia per sostenere il turismo durante l’emergenza, ecco un link al nostro servizio.  

Leggi anche

L'articolo Coronavirus: gli impianti del Dolomiti Superski chiudono definitivamente l’11 marzo sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Air France mantiene i voli sull’Italia. Ridotti del 30% quelli per il Nord del Paese

Air France conferma “il mantenimento dei voli verso tutte le destinazioni italiane del network” benché venga “ridotta dal 30% la capacità offerta sul Nord Italia”. Dal proprio sito web la compagnia francese spiega che “continuando a monitorare l’evolvere della situazione, l’operativo viene costantemente adattato in base all’andamento della domanda: per il mese di marzo sulla [...]→ Leggi alla Fonte

L’India chiude i porti alle navi da crociera

Nessuna nave da crociera potrà fare scalo nei porti indiani, indipendentemente dal proprio porto di origine, fino al prossimo 31 marzo. Lo hanno deciso le autorità del Paese asiatico nel contesto delle misure adottate per contenere la diffusione del contagio da coronavirus. A rivelarlo è stata l’agenzia di stampa Il Sole 24 Ore RadiocorPlus, citando fonti [...]→ Leggi alla Fonte

I4T lancia 12-40, la polizza per rimborso costi e quarantena

I4T, Garrone,Rimborso di costi e penali derivanti dalla perdita dei servizi prenotati a causa del fermo disposto dalle autorità aeroportuali per questioni di carattere amministrativo, controlli di sicurezza e, soprattutto, accertamenti sanitari, compresa la quarantena: è questa la proposta di I4-40, la nuova polizza assicurativa predisposta in tempi record da I4T per fronteggiare i disagi che tutto [...]→ Leggi alla Fonte

Boeing 737 Max: velivolo “difettoso” secondo la commissione del Congresso Usa

E’ giunta a una prima conclusione l’inchiesta della commissione del Congresso americano relativa al Boeing 737 Max, a terra da oltre un anno dopo i due tragici incidenti avvenuti tra il 2018 e il 2019. Il “verdetto” dell’House Committee on Transportation and Infrastructure Majority Staff parla di un aeromobile “fondamentalmente difettoso, che mostra errori di progettazione tecnica”; [...]→ Leggi alla Fonte

Kuda To invita a guardare oltre con la promo Moving on

In attesa che passi l’emergenza coronavirus, si moltiplicano le iniziativa dei tour operator italiani rivolte alle agenzia di viaggio. Kuda Tour Operator mette in particolare a disposizione due strumenti ad hoc, pensati per far ripartire almeno in parte le prenotazioni: polizza annullamento più copertura fermo sanitario e blocca prezzi più bonus commissione extra. “Siamo coscienti [...]→ Leggi alla Fonte

Necci (Necci Hotels): misure immediate del governo. Roma in crisi profonda

Senza un immediato intervento governativo molto più incisivo di quello posto in atto difficilmente il sistema turistico italiano potrà tenere. In questa difficilissima situazione la situazione di Roma non è difforme da quella di altre aree del territorio italiano e per certi aspetti, calcolando l’indotto e l’incidenza sul Pil, ancora più drammatica. Afferma Roberto Necci [...]→ Leggi alla Fonte

Porto di Sorrento: un postazione per rilevare la temperatura dei turisti

Questa mattina, la Protezione civile della Campania ha provveduto ad installare al porto di Sorrento una postazione mobile dove, a partire da domani, saranno sottoposti al rilevamento della temperatura i gruppi di turisti diretti alle isole del Golfo.  L’iniziativa è stata disposta da un’ordinanza della Regione Campania, per arginare la diffusione del coronavirus Covid-19, poste [...]→ Leggi alla Fonte