“A colpo d’occhio”: scoprire il territorio del Chianti Classico a 360°

Un vino non è solo vitigno, metodi di vinificazione, cantine, botti, barrique. Un vino è, essenzialmente, territorio, con la sua storia e le sue caratteristiche. Per conoscere davvero un vino, occorre allora conoscere il territorio che lo esprime. Bisogna esplorarlo, attraversarlo, osservarlo nei suoi rilievi, nelle sue valli, tra boschi, borghi, colline, corsi d’acqua.

Nasce da questa idea il progetto “Chianti Classico a colpo d’occhio“, presentato a Milano dal presidente del consorzio del Gallo Nero Giovanni Manetti e realizzato in collaborazione con Alessandro Masnaghetti. Storico collaboratore di Luigi Veronelli, degustatore e critico, Masnaghetti è oggi considerato la figura di riferimento in tema di cartografia e analisi dei territori vitivinicoli.

Si tratta di “un’innovativa modalità di esplorazione del territorio del Chianti Classico Gallo Nero e dei suoi vini“. Ma è al tempo stesso l’occasione per compiere un viaggio nel cuore della Toscana. Un tour tra profumi e colori che cambiano. Non solo da una stagione all’altra, ma anche seguendo il profilo orografico di una delle aree vinicole più conosciute al mondo.

Chianti Classico: una collaborazione decennale

“È solo l’inizio di un progetto più ampio che il Consorzio Vino Chianti Classico sta sviluppando in collaborazione con Alessandro Masnaghetti,” ha detto Manetti, “un lavoro che valorizzerà ulteriormente la nostra denominazione, mettendo in evidenza proprio quelle caratteristiche che rendono unico, nel Chianti Classico, il binomio vino-territorio.”

L’iniziativa che ha portato alla mappatura del territorio del Chianti Classico, avviata più di 10 anni fa, compie infatti un passo in avanti: un database di immagini a 360° permettarà di scoprire in dettaglio il territorio della celebre denominazione e di esplorarlo navigando tra i panorami e i vigneti in modo interattivo.

Si tratta di immagini che sono in grado non solo di valorizzare la bellezza di un paesaggio famoso e apprezzato in tutto il mondo, ma anche di raccontare le peculiarità di valli, colline, interi comuni.

Paesaggio Chianti Classico
Il paesaggio del Chianti Classico (ph. Consorzio Vino Chianti Classico)

Immergersi nel territorio del Chianti Classico

È chiaro che per avere una conoscenza diretta, profonda del territorio, per sentirne i profumi, è imprescindibile attraversarlo di persona. A volte, tuttavia, visitarlo dal vivo non è sufficiente: diventa utile integrare la conoscenza diretta con una esplorazione d’insieme, dall’alto, a colpo d’occhio, appunto. Un viaggio a volo d’uccello che – sia pure in modo virtuale – consente di scoprire i confini del territorio, le esposizioni, le aree di transizione del clima, la maggiore o minore vicinanza al mare o ai monti. E di comprendere il modo in cui la geografia influisce sulle viti, in cui l’orografia, e cioè la complessa relazione tra monti, mari, pianure, caratteristiche del terreno, venti, brezze, ore di soleggiamento contribuiscono al risultato finale.

Una delle immagini a 360° del progetto "Chianti Classico A colpo d'occhio" (ph. Consorzio Vino Chianti Classico)
Una delle immagini del progetto “Chianti Classico A colpo d’occhio”: nella versione finale saranno disponibili immagini interattive navigabili dagli utenti (ph. Consorzio Vino Chianti Classico)

Chianti Classico: il territorio tra Firenze e Siena

Il territorio del Chianti Classico, che ha come “capitali” le città di Firenze e Siena, è spesso confuso più in generale con quello del Chianti tout court, ma si tratta di due DOCG differenti tra loro, con un disciplinare, zone di produzione e consorzi di tutela diversi e distinti. I comuni che fanno parte del Chianti Classico sono Castellina in Chianti, Gaiole in Chianti, Greve in Chianti, Radda in Chianti e, in parte, quelli di Barberino Tavarnelle, Castelnuovo Berardenga, Poggibonsi e San Casciano in Val di Pesa.

Il territorio del Chianti Classico tra le province di Firenze e di Siena (ph. Consorzio Vino Chianti Classico)
Il territorio del Chianti Classico tra le province di Firenze e di Siena (ph. Consorzio Vino Chianti Classico)

Così il territorio “racconta” il vino

Il progetto “Chianti Classico A colpo d’occhio” è in via di implementazione. In occasione della presentazione è stata offerta la degustazione orizzontale di bottiglie di diversi produttori ma della stessa annata, per scoprire come le diverse caratteristiche del terreno, le quote e le esposizioni, accompagnate sempre al contributo decisivo della mano dell’uomo e delle scelte dei produttori, incidano sulle qualità organolettiche del vino.

“L’impronta digitale di un vino e di una denominazione coincidono con il profilo del suo paesaggio”, ha sottolineato Masnaghetti, “è ciò che abbiamo provato a dimostrare, affiancando dieci vini a dieci diversi panorami e spiegando, bicchiere alla mano, lo stretto legame che li unisce e ciò che invece rende ogni binomio unico e irripetibile”.

In un prossimo futuro, sul sito del consorzio, verranno resi disponibili testi e schede di approfondimento cartografico integrate con le immagini che offriranno agli appassionati lo strumento digitale per poter approfondire le conoscenze e le caratteristiche del mondo del Gallo Nero.

Vuoi avere DOVE sempre con te, a portata di mano?

Scarica l’app DOVE Digital Edition nell’App Store (per dispositivi Apple) o in Google Play (per dispositivi Android) per sfogliare i numeri di DOVE, le guide, gli speciali e DOVE-Corriere della Sera Travel Issue. Tutta la ricchezza delle edizioni cartacee sempre con te, a portata di mano, sui tuoi device

Leggi anche

L'articolo “A colpo d’occhio”: scoprire il territorio del Chianti Classico a 360° sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Un agente descrive come ogni viaggio produca indotto e ricchezza

Un agente di viaggio, Chiara Belardinelli, ha cercato, attraverso un breve scritto, di delineare il rapporto fra il viaggio, il lavoro delle agenzie, e l’indotto che quel singolo viaggio ha sulle attività commerciali. Ci piace riproporla interamente. E’ una lettura chiarificatrice. «Vediamo se riesco a far capire quale sia il vero peso di cultura e [...]→ Leggi alla Fonte

Ao Hostels lancia una nuova figura: la hygiene expert

Si chiama Joy Yella Hoyer, fa parte di Ao Hostels dal 2013, ha 33 anni, e nel corso del tempo ha ottenuto diverse certificazioni e autorizzazioni statali come esperta in igiene e disinfezione. E’ l’identikit della hygiene expert della compagnia tedesca di ostelli di ultima generazione: un nuovo ruolo introdotto appositamente per far fronte alle innumerevoli domande [...]→ Leggi alla Fonte

Ihg contiene le perdite nel terzo trimestre dell’anno

I tassi di occupazione al 44%, contro il 25% dei tre mesi precedenti, hanno permesso al gruppo InterContinental (Ihg) di ridurre le perdite nel periodo luglio-settembre. Nel terzo trimestre dell’anno i ricavi medi per camera disponibile (revpar) di Ihg sono scesi infatti del 53%: una percentuale non certo trascurabile ma pur sempre inferiore al -73% [...]→ Leggi alla Fonte

Visit Brescia vince la nona edizione dell’Hospitality social award

“Un riconoscimento che certifica l’impegno pluriennale di un ente che si è posto l’obiettivo di sviluppare sempre più l’attività online per la promozione turistica della sua città e della provincia”. Così il direttore di Visit Brescia, Manuel Gabriele, commenta il primo posto raggiunto dalla propria organizzazione in occasione della nona edizione del premio nazionale Hospitality social [...]→ Leggi alla Fonte

Il settore dei congressi e degli eventi manifesta a Roma contro il Governo

Dopo aver rivolto al Governo appelli di aiuto rimasti inascoltati, il settore dei congressi, dei convegni e degli eventi aziendali sta ora manifestando nel pieno rispetto delle normative Covid19 davanti a Palazzo Chigi. Il comparto che genera un impatto diretto sul Pil di 36,2 miliardi di euro/anno e impiega 569 mila addetti chiede a gran [...]→ Leggi alla Fonte

EasyJet raccoglie oltre 300 milioni di sterline da vendita e leaseback di nove Airbus

EasyJet ha siglato una serie di accordi per la vendita e il leaseback di nove Airbus: operazioni che hanno portato nelle casse della compagnia oltre 300 milioni di sterline, una boccata di ossigeno per i conti del vettore impegnato nel fronteggiare le conseguenze della pandemia. Gli accordi di vendita e noleggio per gli aeromobili della [...]→ Leggi alla Fonte

Hilton Garden Inn Faroe Island, per la prima volta un gruppo internazionale approda nell’arcipelago

Hilton annuncia oggi l’inaugurazione dell’Hilton Garden Inn Faroe Islands, il primo hotel di un Gruppo internazionale ad aprire nelle Isole Faroe. L’Hilton Garden Inn Faroe Islands offrirà agli ospiti la vacanza ideale per chi sogna l’avventura ed è alla ricerca di sentieri inesplorati. A metà strada tra l’Islanda e la Norvegia, nell’Oceano Atlantico settentrionale, le [...]→ Leggi alla Fonte

Borsa Mediterranea Turismo Archeologico, l’edizione XXIII posticipata all’8-11 aprile 2021

A seguito del Dpcm del 24/10 del Presidente del Consiglio dei Ministri, la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico in programma a Paestum dal 19 al 22 novembre 2020 non potrà svolgersi. Pertanto, gli organizzatori hanno ritenuto di non annullare la XXIII edizione e per assicurare a tutti i protagonisti soprattutto sicurezza, ma anche soddisfazione di [...]→ Leggi alla Fonte

Vikey: il futuro dell’ospitalità è nella tecnologia

Parola chiave tecnologia. Gli effetti della pandemia  non provocheranno probabilmente un cambiamento radicale dell’approccio al viaggio delle persone, ma sicuramente faranno da catalizzatore potente a processi di lunga durata già in corso. E’ il caso per esempio del self check-in: procedura disponibile da tempo sul mercato, che però a lungo ha stentato a diffondersi, in particolare [...]→ Leggi alla Fonte