You are here

A Lignano Sabbiadoro la vacanza è active. E si pedala (anche) sull’acqua

Fare sport in vacanza o andare in vacanza per fare sport? Le nuove tendenze in fatto di viaggi segnano una prevalenza sempre più netta della seconda opzione: nel 2020, rispetto all’anno precedente, i turisti intenzionati a vivere una vacanza attiva sono passati dal 18 al 32 per cento secondo l’Isnart, il centro studi sul turismo di Unioncamere. Il che significa scegliere una meta anche, o soprattutto, in base all’offerta di attività sportive di qualità e in contesti particolari, immersi nel verde e nella natura, per vivere esperienze active ben oltre la classica passeggiata. Qualche esempio?

A Lignano Sabbiadoro, perla della riviera del Friuli Venezia Giulia, l’estate 2021 è l’estate della fatsand bike, dell’hydrofoil bike e dell’e-sup. Ovvero la bici con le ruote enormi per pedalare sulla sabbia, quella futuristica che viaggia sull’acqua e infine il sup elettrico, mezzi innovativi a basso impatto ambientale per divertirsi ed esplorare.

La penisola a forma di triangolo bagnata da “tre acque” – mare Adriatico, Laguna di Marano e Fiume Tagliamento – si conferma così una delle mete più indicate per fare sport in acqua e sulla spiaggia, che con la sua ampiezza media di circa 140 metri è la più estesa d’Italia.

La Lignano per sportivi è anche il paradiso della bicicletta, con oltre 30 km di piste ciclabili cittadine tracciate con Google Maps Bike, la maggior parte delle quali immerse nel verde di una pineta che vanta più di 1 milione e 200 mila alberi. A questi si aggiungono itinerari ed escursioni gratuite nell’entroterra e lungo la costa, anche con passaggi barca dedicati, per scoprire il territorio in modo green e sostenibile.

E-sup e Hydrofoil Bike, le novità dell’estate a Lignano Sabbiadoro

Verde amico del benessere, tra pini secolari e specie rare

Al contrario di altri centri turistici costieri, Lignano possiede ancora un’area occupata dalla vegetazione spontanea che, con oltre 652 specie e sottospecie, è un vero e proprio tesoro di assoluto interesse naturalistico che rappresenta l’ultima testimonianza di un di un paesaggio altrove scomparso. Non serve essere appassionati di botanica per comprendere che questa è una preziosa fonte di benessere, con tutti gli effetti salutari dell’aria ossigenata dalle piante e ricca di ioni negativi, altamente concentrati in riva al mare.

La spettacolare foce del Tagliamento, che demarca uno dei lati della penisola di Lignano, conta ancora differenti tipi di orchidea selvaggia, fiori rari e, in comune con la pineta, la rarissima ed endemica Stipa Veneta Moraldo o Lino delle fate.

La Laguna di Marano, che definisce un altro dei lati della penisola, nella quale sfocia il fiume Stella, è un’oasi naturalistica unica in cui perdersi tra canali, canneti e barene (i tipici terreni lagunari talvolta sommersi dalle maree). Qui si possono ammirare oltre 300 specie di volatili colorati, da avvistare nei punti panoramici lungo la ciclabile oppure dall’acqua, pagaiando con il SUP o la canoa verso luoghi vicini ma ancora selvaggi come l’isola delle Conchiglie. Tra gli ospiti di passaggio nella pineta, da qualche tempo, ci sono perfino i caprioli, che in primavera sono tornati ad attraversare a nuoto la foce del Tagliamento regalando ai fortunati viaggiatori uno spettacolo imperdibile.

Nella “Tree City of the world”, dove la vacanza è due volte sostenibile

Lignano Sabbiadoro è una delle Tree Cities of the World, ambìto riconoscimento della FAO e della Arbor Day Foundation che premia la tutela della foresta urbana e del verde pubblico, conferito solo a 120 città in tutto il mondo e a sette in Italia. Lignano è stata scelta per il suo essere al centro di un ecosistema unico, in perfetto equilibrio tra il verde dell’immensa pineta e i tesori naturalistici della laguna.

Natura incontaminata nell’escursione in bici Lignano – Pordenone

Da sempre, infatti, Lignano privilegia le attività a basso impatto ambientale e tecnologicamente all’avanguardia, anche attraverso infrastrutture e percorsi per la mobilità sostenibile come il collegamento X-River per pedoni e ciclisti sul Fiume Tagliamento, il collegamento barca e bici Lignano-Marano e il suo “gemello” Lignano-Grado.

Sulle due ruote si può anche partire alla scoperta del territorio grazie a innumerevoli escursioni gratuite: dalla pedalata tra i due fari alla risalita del fiume Stella, passando per l’escursione bike&boat a Marano Lagunare attraverso il famoso bosco di Muzzana.

Spostandosi nell’entroterra, grazie a un comodo servizio di transfer si possono persino scoprire in bici le bellezze del pordenonese, dalle sorgenti Livenza a Spilimbergo, una fra le più belle e interessanti città d’arte del Friuli Venezia Giulia.

Info: Lignanosabbiadoro.it

Dove Viaggi ©RIPRODUZIONE RISERVATA

L'articolo A Lignano Sabbiadoro la vacanza è active. E si pedala (anche) sull’acqua sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Vacanze attive e outdoor: 6 motivi per scegliere la Slovenia

Le vacanze outdoor sono una necessità del nostro tempo. Complice un anno e mezzo di chiusure e limitazioni imposte dalla pandemia, le persone preferiscono trascorrere le vacanze all’aria aperta, per favorire il distanziamento sociale ma anche per godere della natura, del cibo a km zero, dell’aria buona. La Slovenia, da questo punto di vista, è una destinazione ottimale. Tra clima, varietà di sport praticabili, gastronomia e paesaggi da ammirare non mancano le ragioni per partire. Ecco le principali:

Natura incontaminata

La Slovenia è uno dei paesi più verdi al mondo. Collega le Alpi e il Mediterraneo, la Pianura Pannonica e il Carso e, grazie al suo paesaggio variegato, ben si presta come terreno di prova per chi cerca una vacanza attiva e outdoor. Tra fiumi, laghi, mari, colline, montagne, boschi, prati e cascate non manca nulla: la varietà del territorio permette di essere sempre immersi in una natura incontaminata, requisito fondamentale per il benessere psicofisico e la salute del sistema immunitario.

Una vacanza a tutto sport

Amanti del trekking? Con oltre 10.000 chilometri di sentieri segnalati e ben curati, la Slovenia è il paradiso per gli escursionisti. Non serve essere esperti: esistono percorsi di varie difficoltà per consentire a chiunque di assaporare il piacere di una passeggiata rigenerante, arrivando, ad esempio, fino alla cima del monte Triglav a 2.864 metri di quota o esplorando la media montagna insieme a tutta la famiglia. Ci sono percorsi come il Juliana Trail, tra boschi, prati fioriti e villaggi alpini. O l’Alpe Adria Trail, soprannominato “il giardino dell’Eden”. Da non perdere anche la Via Alpina, un itinerario di 14 tappe percorribile in una settimana.

Tante le opportunità anche per chi sceglie la bicicletta. Non si contano le piste ciclabili di particolare fascino – questa, d’altronde, è la terra del noto ciclista sloveno Tadej Pogačar, vincitore dell’ultimo Tour de France –  così come i bike park, vale a dire aree con sentieri percorribili esclusivamente in discesa e con apposite biciclette da downhill, e i sentieri per la mountain bike. Appassionati di pesca? C’è quella della trota marmorata nel fiume Isonzo, del luccio e della tinca nel lago di Circonio e quella delle carpe nel lago Šmartinsko.

Esperienze adrenaliniche

Essendo ricca di risorse idriche naturali, la Slovenia è l’ideale per chi cerca esperienze adrenaliniche da praticare sull’acqua. Dalla nuotata in mare, nei laghi o nei fiumi o nelle piscine alla vela fino windsurf o al SUP sono moltissime le attività tra cui scegliere. I più coraggiosi possono scendere lungo le rapide dei fiumi in gommone, kayak o canoa facendo rafting sui fiumi Sava, Savinja, Kolpa e Krka. In alternativa, si  può fare canyoning tra le  strette gole. E per chi ama volare, ci sono diverse scuole di parapendio, strumento perfetto per ammirare il paesaggio sloveno dall’alto.

Una notte nella natura

L’esperienza green, però, non si conclude con la passeggiata o la biciclettata. Prosegue la sera e la notte, in strutture ricettive pensate apposta per gli escursionisti, i ciclisti e gli alpinisti. Rifugi, pensioni, hotel e alloggi vari contrassegnati con un apposito simbolo che garantisce uno standard personalizzato per gli sportivi. Dove, in tutta tranquillità, è possibile rigenerarsi dopo lo sforzo fisico della giornata gustando i piatti prelibati della cucina locale. Per chi lo desidera, c’è anche l’opportunità di trascorrere una notte in una location davvero particolare, facendo glamping sotto le stelle o camping circondati da panorami mozzafiato.

Tanti i percorsi, in Slovenia, per gli amanti del trekking (foto: Jošt Gantar)

Esperienze a cinque stelle

A rendere unico il soggiorno in Slovenia c’è poi Slovenia Unique Experience, il marchio assegnato alle più esclusive esperienze a 5 stelle che si possono vivere all’interno del Paese. In un’ottica di valorizzazione del territorio e delle sue specificità, per ottenere il riconoscimento l’offerta deve essere locale, autentica, sperimentale, ecosostenibile e della massima qualità. Qui si può andare sulle tracce dell’orso bruno nelle selvagge foreste del Kočevsko accompagnati da una guida locale esperta. E ancora: percorrere i sentieri dei primi esploratori delle grotte di Postumia o pernottare tra le chiome degli alberi nel villaggio ecologico e di autoapprovvigionamento Garden Village Bled, vicino all’omonimo lago, per una vacanza unica, esclusiva e più che mai autentica.

Natura, sicurezza e sostenibilità in Slovenia

La pandemia ha cambiato, da un anno e mezzo a questa parte, le regole e le abitudini dei viaggiatori di tutto il mondo. L’attenzione all’igiene e alla salute è diventata fondamentale, così come il distanziamento sociale. Gli standard sloveni in materia di igiene e salute sono conformi con i protocolli globali del World Travel & Tourism Council (WTTC). Chi sta pianificando una vacanza in Slovenia, presti attenzione anche al marchio Green&Safe, strumento in più, assegnato alle strutture, per avere la certezza che la sicurezza degli ospiti sia la priorità.

Il Garden Village di Bled (foto: Ciril Jazbec)

Non solo. A tutto ciò si aggiunge il fatto di essere, la Slovenia, una destinazione non prediletta dal turismo di massa e quindi di non essere troppo affollata. È, inoltre, facile da raggiungere dall’Italia, trovandosi al confine, sia in auto che in treno, bus e aereo.

Ma la Slovenia è anche  il primo Paese ad aver ricevuto il prestigioso titolo di “Global Green Destination” per la sua attenzione alla sostenibilità. Una sostenibilità tangibile: sono oltre 120 le destinazioni che mettono al primo posto una mentalità verde e responsabile. Luoghi riuniti sotto il marchio Slovenia Green perché in grado di soddisfare i criteri di “Green Destinations Standard” come prescritti dal GSTC (Global Sustainable Tourism Council). E non solo per il grande spazio dato alla natura (il 13 per cento del territorio è costituito da aree protette) ma anche per le scelte – dal food ai fornitori – fatte in un’ottica green. Una certificazione importante per chi, anche in vacanza, ha a cuore il benessere del mondo in cui vive.

Per info: slovenia.info

Dove Viaggi ©RIPRODUZIONE RISERVATA

L'articolo Vacanze attive e outdoor: 6 motivi per scegliere la Slovenia sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi