You are here

Confindustria Alberghi, Colaiacovo: “Con il green pass, bene la piena ripresa delle attività di convegni e congressi”

Maria Carmela Colaiacovo, Presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi, annuncia la prossima ripresa di un importante segmento del turismo, quello degli eventi, convegni e congressi con il green pass e aggiunge: “Bene che la conferenza delle Regioni ieri abbia approvato le modifiche da noi richieste alle linee guida per il superamento del vincolo di distanziamento [...]→ Leggi alla Fonte

L’Australia rimane chiusa ai turisti internazionali, almeno fino al 2022

L’Australia, sogno di molti, resta ancora una destinazione inaccessibile per i turisti internazionali. Il paese oceanico, che ha messo in atto alcune delle restrizioni più severe al mondo alle frontiere per contenere l’epidemia da Covid-19, è praticamente “chiusa” dal marzo 2020. E lo resterà almeno fino al 2022.

“La priorità sono gli australiani”, ha detto nei giorni scorsi il primo ministro Scott Morrison riferendosi alla riapertura dei confini internazionali. “Arriveranno anche i visitatori internazionali, credo l’anno prossimo”, ha aggiunto Morrison all’Associated Press, senza voler specificare una data. Tuttavia, dal mese di novembre il Paese inizierà a riaprire le sue frontiere per gli australiani. Dopo 18 mesi di stop, infatti, i cittadini completamente vaccinati potranno tornare viaggiare a livello internazionale.

GUARDA ANCHE: Corridoi turistici Covid-free: con la nuova ordinanza, si riparte per le Maldive e altri Paesi tropicali

Australia: si entra solo con permessi speciali

Attualmente, le persone possono lasciare l’Australia solo per motivi “essenziali” e l’ingresso è permesso ai cittadini e ad altri con esenzioni, ma ci sono stretti limiti al numero di arrivi.

Chi arriva in Australia con un permesso speciale deve stare in quarantena per due settimane in un hotel, a proprie spese.

L’ingresso in Australia al momento è limitato a pochissime categorie, fondamentalmente per “ragioni compassionevoli” o a persone in possesso di “competenze” in settori considerati di interesse nazionale dalle autorità, ad esempio quelle legate al contrasto della pandemia; le valutazioni vengono però effettuate caso per caso. 

GUARDA ANCHE: Quali sono le città più sicure del mondo? Ecco la classifica 2021, con una sorpresa al primo posto

Australia: meno della metà della popolazione vaccinata con due dosi

Secondo le previsioni, l’Australia riaprirà prima l’aeroporto di Sydney e poi quello Melbourne, una volta che il programma vaccinale completo sarà somministrato all’80% della popolazione in quelle regioni.

Il Nuovo Galles del Sud, ossia lo Stato più popoloso, prevede di superare a fine ottobre l’80% di popolazione vaccinata. In data 5 ottobre, secondo l’analisi di Our World in Data, poco meno del 47% dell’intera popolazione australiana ha ricevuto la seconda dose di vaccino. 

Maggiori informazioni le trovate sul sito Viaggiare Sicuri e sul sito del Dipartimento australiano degli affari interni.

GUARDA ANCHE: Le meraviglie naturali dell’Australia da sognare (in attesa di poterle finalmente rivedere)

Leggi anche

Dove Viaggi ©RIPRODUZIONE RISERVATA

L'articolo L’Australia rimane chiusa ai turisti internazionali, almeno fino al 2022 sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Malta “paga” fino a 200 euro i turisti che la scelgono questa estate

Pochi casi di Covid e una campagna vaccinale che procede a gonfie vele ha permesso di allentare le restrizioni già da metà aprile. Malta, Gozo e Comino riapriranno ufficialmente al turismo dal primo giugno. E per promuovere l’arcipelago e attirare i turisti, la Malta Tourism Authority ha annunciato di rimborsare fino a 100 euro (a seconda dell’albergo che si sceglie) ai turisti che prenotano un hotel sull’isola per almeno tre notti.

I visitatori che sceglieranno un hotel a cinque stelle avranno diritto a 100 euro; 75 euro per un quattro stelle e 50 per un tre stelle. Tuttavia, non si tratta di contanti veri e propri ma di un credito da spendere nella struttura (dal centro benessere ad una notte in più, dai servizi di ristorazione o bar interni all’upgrade della stanza).

GUARDA ANCHE: Le vacanze estive delle famiglie italiane: otto su dieci hanno già le idee chiare

Raddoppio fino a 200 euro

Il ministro del turismo Clayton Bartolo ha sottolineato che le strutture potranno metterci un raddoppio di tasca loro, così da poter salire rispettivamente a 200, 150 e 100 euro. Inoltre, i visitatori che sceglieranno l’isola più piccola di Malta – l’affascinante Gozo, a 25 minuti di traghetto al largo della costa – avranno un ulteriore 10 per cento di sconto sulla prenotazione. Come detto, si parte con un blocco iniziale di 35.000 turisti.

Malta ha stanziato 3,5 milioni di euro per attirare i viaggiatori sulle sue spiagge (ph. iStock)

Il budget messo sul tavolo è di 3,5 milioni di euro. E parte di quei fondi finirà direttamente nelle tasche dei turisti. Dopotutto, l’industria del turismo rappresenta oltre il 27% dell’economia di Malta. Nel 2019, il paese aveva accolto 2,7 milioni di visitatori, una cifra crollata di oltre l’80 per cento lo scorso anno. Ciò nonostante, Malta è una delle poche nazioni del Vecchio Continente in cui sono state vaccinate più persone in rapporto alla popolazione: ha somministrato 62,63 dosi di vaccino ogni 100 abitanti.

Maggiori informazioni qui: visitmalta.com

SCOPRI ANCHE: Malta: tra scogliere e spiagge, il top del mare

Leggi anche

Dove Viaggi ©RIPRODUZIONE RISERVATA

L'articolo Malta “paga” fino a 200 euro i turisti che la scelgono questa estate sembra essere il primo su Dove Viaggi.

Leggi alla Fonte

Travel Open Day Virtual dal 27 al 30 aprile: Luxury Travel, Honeymoon, Vacanze

Proseguono i Travel Open Day Virtual, nuovo format virtuale gratuito giunto alla terza edizione, che dal 27 al 30 aprile coinvolgerà operatori del turismo ed agenti di viaggio in due eventi online.  Gli agenti di viaggio potranno accedere a stand virtuali ed incontrare gli operatori specializzati mediante appuntamenti prefissati one-2-one in videocall.   Il 27 e 28 aprile [...]→ Leggi alla Fonte

Ue: basta con la proroga automatica delle concessioni balneari in Italia

Doccia fredda dall’Europa sulle concessioni balneari italiane. Infatti la Commissione europea ha confermato la linea dura nei confronti dell’Italia sul tema delle norme nazionali sulle concessioni balneari. Nella risposta scritta del commissario per il mercato unico Thierry Breton a un’interrogazione degli europarlamentari di Forza Italia – che hanno chiesto di tenere conto delle difficoltà legate alla pandemia – l’esecutivo Ue [...]→ Leggi alla Fonte

Ci ha lasciato Bruno Colombo

Bruno ColomboIl capitano ci ha lasciato. La notizia non era nell’aria, per questo ha colpito come un dolore che non ti aspetti. Colombo era l’uomo visionario che dal niente aveva creato un nuovo modo di vedere, di concepire, di vivere il turismo. Un uomo senza paragoni nella nostra fragile industria. Senza paragoni per entusiasmo, intuito, mobilità, [...]→ Leggi alla Fonte

Avataneo: «L’Italia è sempre al primo posto fra i desideri dei viaggiatori»

A qualche settimana dall’inizio del nuovo anno, il mondo del turismo organizzato è ancora alle prese con uno stato di fermo destinato a durare almeno fino a primavera inoltrata.  Fulvio Avataneo, presidente Aiav, dichiara: «Oggi è impossibile fare previsioni, anche a medio termine. Diversi indicatori e ricerche condotte in questi mesi ci dicono che la voglia di [...]→ Leggi alla Fonte

Federalberghi Campania: «deludenti le indicazioni per il turismo del Recovery Plan»

«Le indicazioni per il turismo contenute nel Recovery Plan sono deludenti. È impensabile risollevare il settore turistico senza coinvolgere le imprese che vi operano. E lo è a maggior ragione in Campania, dove le limitazioni alla mobilità e il conseguente azzeramento dei flussi di vacanzieri dall’estero hanno quasi completamente annullato le presenze nelle strutture ricettive»: [...]→ Leggi alla Fonte

Imprenditori e sindacati: vaccinare i lavoratori del turismo per ripartire

Ci sembra un’idea dotata di senso, quella di imprenditori e sindacati che chiedono a gran voce di vaccinare i lavoratori del turismo. Solo così può veramente ripartire il settore. E intatti, al fine di programmare il rilancio dell’attività turistica in condizioni di piena tutela della salute, il 26 gennaio 2020 le organizzazioni imprenditoriali e sindacali [...]→ Leggi alla Fonte

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi