You are here

Ue: basta con la proroga automatica delle concessioni balneari in Italia

Doccia fredda dall’Europa sulle concessioni balneari italiane. Infatti la Commissione europea ha confermato la linea dura nei confronti dell’Italia sul tema delle norme nazionali sulle concessioni balneari. Nella risposta scritta del commissario per il mercato unico Thierry Breton a un’interrogazione degli europarlamentari di Forza Italia – che hanno chiesto di tenere conto delle difficoltà legate alla pandemia – l’esecutivo Ue [...]→ Leggi alla Fonte

Ci ha lasciato Bruno Colombo

Bruno ColomboIl capitano ci ha lasciato. La notizia non era nell’aria, per questo ha colpito come un dolore che non ti aspetti. Colombo era l’uomo visionario che dal niente aveva creato un nuovo modo di vedere, di concepire, di vivere il turismo. Un uomo senza paragoni nella nostra fragile industria. Senza paragoni per entusiasmo, intuito, mobilità, [...]→ Leggi alla Fonte

Avataneo: «L’Italia è sempre al primo posto fra i desideri dei viaggiatori»

A qualche settimana dall’inizio del nuovo anno, il mondo del turismo organizzato è ancora alle prese con uno stato di fermo destinato a durare almeno fino a primavera inoltrata.  Fulvio Avataneo, presidente Aiav, dichiara: «Oggi è impossibile fare previsioni, anche a medio termine. Diversi indicatori e ricerche condotte in questi mesi ci dicono che la voglia di [...]→ Leggi alla Fonte

Federalberghi Campania: «deludenti le indicazioni per il turismo del Recovery Plan»

«Le indicazioni per il turismo contenute nel Recovery Plan sono deludenti. È impensabile risollevare il settore turistico senza coinvolgere le imprese che vi operano. E lo è a maggior ragione in Campania, dove le limitazioni alla mobilità e il conseguente azzeramento dei flussi di vacanzieri dall’estero hanno quasi completamente annullato le presenze nelle strutture ricettive»: [...]→ Leggi alla Fonte

Imprenditori e sindacati: vaccinare i lavoratori del turismo per ripartire

Ci sembra un’idea dotata di senso, quella di imprenditori e sindacati che chiedono a gran voce di vaccinare i lavoratori del turismo. Solo così può veramente ripartire il settore. E intatti, al fine di programmare il rilancio dell’attività turistica in condizioni di piena tutela della salute, il 26 gennaio 2020 le organizzazioni imprenditoriali e sindacali [...]→ Leggi alla Fonte

Unwto: la peggiore crisi della storia. Persi 1,3 trilioni di dollari di entrate

Secondo l’ultimo barometro mondiale del turismo dell’Unwto, il crollo dei viaggi internazionali rappresenta una perdita stimata di 1,3 trilioni di dollari in entrate da esportazione , oltre 11 volte la perdita registrata durante la crisi economica globale del 2009. La crisi ha messo a rischio tra i 100 e i 120 milioni di posti di lavoro diretti nel turismo , molti dei quali nelle [...]→ Leggi alla Fonte

Il Portogallo chiude le frontiere con la Spagna per due settimane

Il governo del Portogallo ha annunciato la chiusura del confine con la Spagna per un periodo iniziale di due settimane. Con questo provvedimento, che entrerà in vigore oggi venerdì 29 gennaio, si cerca di contenere l’espansione del coronavirus. Il ministro dell’interno, Eduardo Cabrita, ha annunciato la chiusura del confine dopo aver tenuto il dibattito sul rinnovo [...]→ Leggi alla Fonte

Pier Ezhaya: «Ci prepariamo alla ripresa. La crisi politica ci preoccupa»

Con un’intervista esclusiva a Travel Quotidiano, il presidente di Astoi, Pier Ezhaya fa il punto della situazione. Iniziamo dai ristori.  «Solo 2800 domande sono rimaste fuori dai ristori – inizia il presidente -. I motivi sono da ricercare in anomalie tecniche. Di queste 2800 domande ancora invase, 1500 sono state liberate la settimana scorsa, e [...]→ Leggi alla Fonte

Turismo organizzato: forte preoccupazione per la crisi di Governo

AidiT, Assoviaggi, Astoi, Fiavet e Fto esprimono forte preoccupazione per la crisi di Governo in atto. In questa fase di instabilità e di incertezza politica, le Associazioni del comparto del Turismo Organizzato auspicano che le Istituzioni abbiano la reale consapevolezza che il settore è in ginocchio e che non è più in grado di sopportare ritardi. Le aziende non potranno [...]→ Leggi alla Fonte

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi