You are here

Connessione internet in vacanza: come funziona una eSim virtuale

Connessione internet in vacanza: come funziona una eSim virtuale
MangiaViaggiaAma

Fino a pochi anni fa la connessione dati su cellulare era un piccolo lusso, o addirittura qualcosa di cui si faticava a comprendere l’utilità. Sembra impossibile a ripensarci oggi, in un’epoca in cui siamo ormai abituati ad avere uno smartphone sempre con noi e ad essere costantemente connessi: scrivere una mail, scorrere la home di un social network, scrivere un messaggio su WhatsApp, cercare un’informazione online o impostare un percorso su Google Maps sono tutte attività che svolgiamo quasi senza pensarci più volte al giorno. Le statistiche dicono che è molto probabile stiate leggendo anche questo articolo sullo schermo di un dispositivo mobile.

Per questo diventa quanto meno difficile rinunciare improvvisamente a tutta una serie di attività e comodità quotidiane quando ci troviamo senza connessione. Come fare quindi ad essere sempre connessi anche in vacanza?

Connessione internet in viaggio

Connessione internet in viaggio: il roaming UE ed extra UE

A partire dal 2017 gli accordi europei hanno permesso di eliminare le tariffe per il roaming all’interno della UE e di altri Paesi inclusi nella convenzione (ad esempio l’Islanda), perciò ci siamo abituati ad utilizzare il nostro piano dati anche in viaggio fuori Italia. Il problema si pone però quando lasciamo il continente, poiché le tariffe di roaming internazionale possono diventare in quel caso molto onerose.

Come fare? Ci sono essenzialmente tre modi per avere una connessione internet sempre disponibile anche in viaggio. 

Come avere connessione internet in vacanza sul proprio telefono

Attivare un pacchetto dati con il proprio operatore

Le principali compagnie telefoniche italiane offrono pacchetti dedicati per chi vuole avere accesso a internet in vacanza, perciò potete iniziare verificando le proposte del vostro operatore. Purtroppo non sono disponibili per tutti i Paesi e non sempre sono convenienti, ma è un primo tentativo. Può essere la giusta opzione per chi ha bisogno di pochi Megabyte di traffico, ad esempio chi desidera solo poter controllare le mail e scrivere qualche messaggio su WhatsApp.

Noleggiare un router portatile

In diverse destinazioni, ad esempio il Giappone, si è molto sviluppato il servizio di noleggio di router portatili o ‘pocket Wi-Fi’. Questi piccoli apparecchi funzionano come veri e propri modem e permettono a più dispositivi di connettersi alla loro rete Wi-Fi. Sono leggeri, poco ingombranti e permettono una connessione sicura, spesso però sono anche piuttosto costosi. 

Acquistare una Sim locale

Infine, l’ultima possibilità per utilizzare internet in vacanza è quella di acquistare una Sim locale con un proprio piano dati, che è di solito molto più economico rispetto ad un pacchetto fornito da operatore italiano. Questa modalità consente la connessione di un unico dispositivo, ma è sufficiente avere uno smartphone che consenta di attivare l’opzione hotspot per ovviare al problema. L’unica complicazione era quindi quella di inserire la Sim fisicamente nel telefono, un’operazione che obbligava a togliere la propria (e quindi a rinunciare al proprio numero di telefono per un po’) o ad avere un secondo smartphone. Io stessa avevo acquistato un telefono economico da utilizzare solo a questo scopo durante i viaggi. 

Internet in vacanza

Internet in vacanza: cosa sono e come funzionano le eSim virtuali

Parlo al passato perché oggi la tecnologia ci permette di risolvere anche questo problema. Sebbene si tratti di funzioni ancora poco conosciute, gli smartphone moderni prevedono infatti la possibilità di attivare al loro interno delle Sim virtuali o eSim. Secondo le previsioni, entro pochi anni le Sim fisiche saranno destinate a scomparire o quasi, in favore della nuova tecnologia (ma se non ne avevate mai sentito parlare fino ad ora non preoccupatevi… nemmeno io!).

Per utilizzare una Sim virtuale è sufficiente acquistarla, online o presso un gestore di telefonia, per poi inquadrare un QR code o inserire manualmente il codice per la configurazione. A seconda del dispositivo, su uno stesso telefono possono coesistere anche più Sim: ad esempio sugli iPhone da XS/XR a 12 si possono utilizzare contemporaneamente una Sim fisica e una virtuale, mentre da iPhone 13 anche 2 sim entrambe virtuali. I vantaggi di questa tecnologia sono numerosi: utilizzare un numero personale ed uno di lavoro sullo stesso dispositivo, o passare da un operatore all’altro a seconda del piano più conveniente per dati o telefonate. 

O ancora: si potrà configurare in un attimo una Sim estera durante un viaggio, senza bisogno di un secondo telefono. 

Se state quindi programmando un viaggio fuori Europa e vorreste avere accesso alla connessione dati sul vostro telefono, la soluzione più semplice oggi è una eSim. Esistono delle piattaforme che permettono di acquistare la eSim direttamente online, selezionando la destinazione del proprio viaggio, il pacchetto dati desiderato e la sua durata, oltre alla data in cui si desidera attivarlo.

Le Sim virtuali dedicate alla connessione in viaggio sono pensate appunto per la sola connessione dati, perciò non consentono di effettuare chiamate né sono associate a un numero di telefono. Il vostro numero rimarrà quello abituale, semplicemente avrete attivo un piano dati locale e potrete avere accesso alla connessione internet in vacanza, per utilizzare WhatsApp, Google Maps e tutti gli altri servizi che dovessero servirvi. Si tratta di un servizio talmente semplice ed immediato da essere più facile a farsi che a dirsi, vi lascio quindi il link a due piattaforme che vi consiglio:

1. Manet, è il primo sito italiano ad offrire eSim pensate per i viaggiatori e per diverse destinazioni nel mondo. Comodo e molto intuitivo, con assistenza in lingua italiana.

2. Airalo, piattaforma internazionale con disponibili diversi Paesi e pacchetti, le sue Sim coprono praticamente tutto il mondo. Offre una comoda app per acquistare, ricaricare e monitorare le Sim.

Cosa controllare prima di acquistare la propria eSim e partire:

1. verificate che il vostro smartphone sia compatibile con la tecnologia eSim: in linea generale a partire dal 2017/2018 tutti gli iPhone, Samsung Galaxy ed altri dispositivi di ultima generazione prevedono questa funzionalità.
2. se scegliete un pacchetto Global o per area geografica, verificate sempre con attenzione che siano inclusi i Paesi in cui intendete viaggiare per evitare inconvenienti.

Connessione internet in vacanza: come funziona una eSim virtuale
MangiaViaggiaAma

Leggi alla Fonte

Assicurazione viaggio: quale scegliere?

Assicurazione viaggio: quale scegliere?
MangiaViaggiaAma

Se una buona assicurazione di viaggio è sempre stata importante, mai come in questo periodo storico diventa un aspetto fondamentale da considerare prima della partenza, anche in Europa. Dato che mi sono trovata in prima persona a dover confrontare varie polizze per le prossime partenze, ho colto l’occasione per concludere finalmente un articolo che avevo in bozza da tempo. In questo post troverete quindi raccolti alcuni link e impressioni generali sulle compagnie più conosciute, così da avere una prima base per aiutarvi nella scelta dell’assicurazione di viaggio più adatta a voi. 

Assicurazione viaggio

L’importanza di un’assicurazione viaggio per Covid-19

Di norma avrei consigliato di stipulare un’assicurazione di viaggio solo al di fuori dell’Europa, poiché nell’Unione Europea la copertura delle spese mediche – punto principale per cui solitamente si cerca un’assicurazione – è già garantita a tutti i cittadini italiani. Ma in un periodo come questo le regole cambiano e vanno messi in conto altri rischi: primi tra tutti l’annullamento del viaggio per contagio, oppure la malattia in viaggio che porta inevitabilmente a delle spese per il ricovero o per prolungamento del soggiorno in quarantena. 

Oggi per fortuna quasi tutte le principali compagnie prevedono coperture specifiche per i rischi derivanti dalla pandemia Covid-19, così da poter partire con maggiore serenità. Fate però attenzione ad alcuni aspetti: innanzi tutto le assicurazioni con copertura Covid-19 vi tuteleranno solo in caso di viaggi effettuati nel rispetto delle normative, e quindi verso destinazioni in cui la legge permette di recarsi. Per verificare norme e documenti richiesti, che mai come in questo periodo storico sono in continua evoluzione, consiglio di consultare il sito della Farnesina Viaggiaresicuri.

Assicurazione viaggio annullamento per Covid-19

La copertura per annullamento merita un discorso a parte. In condizioni normali, per un viaggio low cost e vicino nel tempo sarei stata la prima a valutare di risparmiare un po’ scegliendo polizze standard senza annullamento. Oggi però il rischio è un po’ più alto del solito, dal momento che in caso di contagio Covid-19 o di contatto con un positivo ci si trova costretti a disdire il viaggio. Fate ovviamente una valutazione economica: se avete prenotato una camera con cancellazione gratuita e speso 20€ di biglietti aerei, è chiaro che investirne 50€ per una polizza annullamento ha poco senso. Ma in linea generale se la differenza di costo tra le polizze è poca, oggi preferirei essere coperta anche per questa eventualità. 

Parlando di Covid-19 vanno considerati in ogni caso alcuni punti importanti:

1- Qualsiasi assicurazione vi coprirà per eventuale annullamento solo se al momento della sottoscrizione non siete già a conoscenza di impedimenti al viaggio (ovvero, se non avete già scoperto di essere positivi);

2- In caso di limitazioni imposte a livello statale, come ad esempio l’istituzione di “zone rosse” o lockdown, non dovrete rivolgervi all’assicurazione ma direttamente ai vari fornitori come compagnie aeree o di noleggio, che – almeno in teoria – saranno tenuti a rimborsarvi;

3- Ultima annotazione: sappiate che quasi tutte le compagnie assicurative non riconoscono l’isolamento fiduciario tra gli eventi per cui è concesso, e quindi rimborsato, l’annullamento del viaggio. Alcune lo scrivono esplicitamente, altre no, ma temo sia una regola abbastanza comune. In generale è possibile annullare il viaggio in caso di contagio proprio, di un compagno di viaggio o di un familiare stretto, oppure della persona presso cui avreste dovuto soggiornare.

Che assicurazione viaggio scegliere

Come scegliere un assicurazione di viaggio?

Quando si sceglie un’assicurazione di viaggio, ci sono vari aspetti da considerare ma a mio avviso questi sono i più importanti:

-> Massimali previsti per l’assistenza sanitaria: in alcune destinazioni del mondo, Stati Uniti ma non solo, un ricovero in ospedale può costare centinaia di migliaia di euro. Se vi state recando in un Paese al di fuori dell’Europa è quindi importante scegliere un’assicurazione che non abbia massimali risicati. 

-> Pagamento diretto: per lo stesso motivo, meglio scegliere un’assicurazione che indichi chiaramente il pagamento diretto delle spese sanitarie. Oggi per fortuna quasi tutte lo prevedono (di sicuro tutte quelle elencate di seguito), mentre per altre coperture viene richiesto di anticipare le spese che poi vengono rimborsate.

-> Assenza di franchigia: alcune assicurazioni prevedono una franchigia di 50€ o 100€ per ogni sinistro. È chiaro che di fronte a un danno di migliaia di euro pagare 100€ di franchigia è comunque meglio di essere scoperti, ma la differenza tra un’assicurazione con e senza franchigia spesso è di pochi euro quindi personalmente preferisco scegliere la seconda opzione. 

-> Altre coperture: più coperture vedete elencate, meglio è. Può sembrare banale ma è così. Le assicurazioni più complete vi coprono ad esempio anche per responsabilità civile, rischio a cui tendiamo a non pensare ma che potrebbe rovinarvi la vacanza tanto quanto una malattia. 

Confronto tra varie assicurazioni di viaggio

Di seguito vi metterò a confronto costi e caratteristiche di alcune tra le principali assicurazioni di viaggio disponibili, a partire dall’esempio pratico del mio prossimo viaggio: 5 giorni in Europa, 2 viaggiatori adulti, compreso annullamento e coperture Covid-19. In questo modo avrete un riferimento univoco per confrontare il prezzo. Ove disponibile, vi indicherò anche il costo della polizza annuale, un’opzione da tenere presente e che può farvi risparmiare molto se fate almeno 4-5 viaggi all’anno. 

COLUMBUS

Columbus è da anni una delle compagnie di assicurazioni viaggio più conosciute. Mette a disposizione polizze singole o annuali multiviaggio, con coperture Covid-19 per spese mediche, prolungamento del viaggio o annullamento.

Costo assicurazione per viaggio singolo: 74,65€

Costo assicurazione annuale: 201,84€ Europa – 297,28€ Mondo intero

PRO: Sono incluse coperture come la responsabilità civile e l’infortunio. Assenza di franchigia. Assistenza completamente in italiano. 

CONTRO: Nessuno di rilevante da segnalare.

Potete fare un preventivo a questo link.

HEYMONDO

Forse uno dei nomi più nuovi sul mercato, potreste non conoscerla ancora ma si appoggia all’esperienza di IMA Italia ed offre assicurazioni di viaggio a prezzi competitivi. Sono disponibili sia polizze singole sia annuali multiviaggio e prevedono specifiche coperture Covid-19 come assistenza medica, estensione del soggiorno o cancellazione. 

Costo assicurazione per viaggio singolo: 45,92€

Costo assicurazione annuale: 198,29€ Europa – 396,58€ Mondo intero

PRO: Prezzo molto competitivo e assenza di franchigia per il viaggio singolo. A disposizione un’App che consente di comunicare con la compagnia in modo semplice e immediato in caso di bisogno. 

CONTRO: Nella polizza non è inclusa la responsabilità civile, offerta invece da altre compagnie. Nelle polizze annuali è prevista una franchigia. 

Potete fare un preventivo a questo link.

AXA ASSISTANCE

Un’altra delle compagnie assicurative più note, offre polizze singole o annuali multiviaggio ed include il Covid-19 tra le malattie riconosciute dalla copertura sanitaria (quindi anche per annullamento in caso di positività). Per aggiungere la copertura annullamento al viaggio singolo viene richiesto un valore da assicurare: inserite solo le spese che ritenete di non poter recuperare se doveste rinunciare alla partenza, perché più alta è la cifra più sarà alto il prezzo finale. Nel mio caso ho ipotizzato un valore di 1.000€.

Costo assicurazione per viaggio singolo: 76,98€ (annullamento assicurato per 1.000€)

Costo assicurazione annuale: 283,89€ Europa – 751,47€ Mondo intero

PRO: La polizza offre varie coperture. Con un sovrapprezzo di una decina di euro si può aggiungere alla polizza singola anche la copertura per responsabilità civile e infortuni (anche se con massimali non elevatissimi).

CONTRO: Franchigia su diverse categorie, incluse le spese mediche. Il sito permette di aggiungere la polizza annullamento al viaggio singolo solo se la prenotazione del viaggio è avvenuta il giorno stesso. 

Potete fare un preventivo a questo link.

COVERWISE

Coverwise è un’altra assicurazione di viaggio di AXA. Le sue polizze offrono varie coperture, è interessante ad esempio che sia inclusa l’assistenza stradale. Sono incluse le coperture Covid-19, ma l’annullamento si può aggiungere solo alle polizze singole: anche in questo caso viene richiesto un valore da assicurare come per AXA. 

Costo assicurazione per viaggio singolo: 99,12€ (annullamento assicurato per 1.000€)

Costo assicurazione annuale: 139€ solo Europa – 209€ Mondo intero (SENZA ANNULLAMENTO)

PRO: Incluse tante coperture anche se con massimali non sempre elevatissimi. Convenienti le opzioni annuali, ma senza annullamento.

CONTRO: Franchigia su diverse categorie. Impossibilità di aggiungere annullamento alle polizze annuali. 

Potete fare un preventivo a questo link.

ALLIANZ GLOBAL 

Compagnia assicurativa molto attiva anche in altri settori, offre quindi l’affidabilità data dall’esperienza. Disponibili polizze singole o multiviaggio e incluse le coperture per Covid-19, ma non per annullamento se non stipulando una seconda polizza dedicata.

Costo assicurazione per viaggio singolo: 75,62€ (SENZA ANNULLAMENTO)

Costo assicurazione annuale: da 400€ Mondo intero (non disponibile solo Europa, SENZA ANNULLAMENTO)

PRO: Assistenza tramite App. Massimali più alti di diversi competitor per il prolungamento del soggiorno. 

CONTRO: Massimali bassi per l’assistenza medica, soprattutto nella polizza annuale. Franchigia di 50€ per le spese mediche. Non include l’annullamento, per il quale è necessario stipulare una polizza a parte, né altre garanzie per cui va aggiunto sovrapprezzo (bagaglio, responsabilità civile).

Potete fare un preventivo a questo link.

EUROP ASSISTANCE

Così come Allianz, Europ Assistance è una compagnia molto nota anche se questo a mio avviso non giustifica i prezzi più elevati rispetto ad altre polizze. 

Costo assicurazione per viaggio singolo: 90,00€ (SENZA ANNULLAMENTO)

Costo assicurazione annuale: 425,20€ Europa – 753,20€ Mondo Intero (SENZA ANNULLAMENTO)

PRO: Massimali più alti di diversi competitor per il prolungamento del soggiorno. 

CONTRO: Massimali bassi per l’assistenza medica. Non include l’annullamento, per il quale è necessario stipulare una polizza a parte, né altre garanzie per cui va aggiunto sovrapprezzo (bagaglio, responsabilità civile, inclusi invece nelle polizze annuali).

Potete fare un preventivo a questo link.

GLOBELINK

Chiudo con un’assicurazione che probabilmente in molti non conosceranno, ma che offre polizze molto interessanti. Globelink ha l’unico svantaggio di non avere un sito tradotto in italiano, ma non preoccupatevi perché per l’eventuale assistenza sarete in contatto con personale che parla la nostra lingua. È una compagnia interessante perché si rivolge in modo specifico ai viaggiatori ed è quindi tra le poche ad offrire certe polizze: assicurazioni per chi è già in viaggio, per chi svolge attività sportive o “avventurose” non coperte dai competitor, per chi parte per un giro del mondo fino a 18 mesi e altro ancora. 

Costo assicurazione per viaggio singolo: 82,08€

Costo assicurazione annuale: 169,85€ Europa – 228,50€ Mondo Intero 

PRO: Prezzi molto competitivi, imbattibili per le polizze annuali, tantissime coperture e con massimali alti. Si possono aggiungere coperture molto specifiche per sport estremi o attività rischiose, o anche per annullamento del viaggio in caso l’aveste organizzato per partecipare a un evento (concerto, competizione sportiva) poi cancellato. 

CONTRO: Nessuno di rilevante da segnalare.

Potete fare un preventivo a questo link.

…e altre ancora

Non elenco tutte le compagnie disponibili per semplici questioni di spazio, ma molte di esse come Unipol Sai o Reale Mutua sono tutto sommato equivalenti a quelle citate. Ho escluso ad esempio AIG perché non specificava in nessun punto di riconoscere il Covid-19 tra i rischi coperti e non mi dava quindi sicurezza, mentre World Nomads – altra assicurazione per viaggiatori “frequenti” come Globelink – segnala chiaramente di NON riconoscerlo ed è quindi a mio avviso da evitare in questo momento.

Scegliere assicurazione di viaggio migliore

Conclusioni: che assicurazioni viaggio scegliere?

Se tutti questi numeri vi hanno lasciato una gran confusione, non preoccupatevi: è così per tutti. Vorrei però lasciarvi con questo articolo un paio di messaggi importanti.

Primo: l’assicurazione di viaggio è una spesa in più, ma una spesa fondamentale per tutti i viaggi fuori Europa (e in questo periodo storico anche in Europa). Non vi mettereste mai alla guida della vostra auto senza un’assicurazione, allo stesso modo non dovreste prendere un aereo per un Paese straniero in cui le spese sanitarie potrebbero mandarvi sul lastrico. Perciò vi consiglio di farla: scegliete l’opzione più economica, rinunciate alle coperture per annullamento, ma fatela. 

Secondo: nessuna compagnia è la migliore in assoluto. Come scrivo spesso su queste pagine bisogna sempre valutare in base alle proprie specifiche esigenze, alla destinazione del viaggio e altro ancora. 

In molti blog di viaggio italiani troverete consigliata una singola compagnia, che è un’ottima opzione ma vi viene spesso riportata come l’unica alternativa semplicemente perché offre le sue polizze in omaggio ai blogger in cambio di quegli articoli che poi trovate online. Ciò non significa che quella compagnia non sia appunto ottima, ma tenete sempre presente che esistono più opzioni ed è giusto fare i propri confronti e le proprie valutazioni.

Per amore di chiarezza, chiudo con una bella tabella riepilogativa di varie cifre snocciolate fin qui. E mi raccomando, non partite senza assicurazione!

Assicurazione viaggio: quale scegliere?
MangiaViaggiaAma

Leggi alla Fonte

Parcheggi aeroporto low cost: come cercare e prenotare al prezzo migliore

Parcheggi aeroporto low cost: come cercare e prenotare al prezzo migliore
MangiaViaggiaAma

Nella rubrica Viaggi low cost abbiamo parlato di biglietti aerei, come prenotare l’alloggio per il proprio viaggio, come cambiare valuta gratis ed altro ancora. Oggi vi do un nuovo consiglio per un altro aspetto importante durante l’organizzazione di un viaggio: confrontare e prenotare un parcheggio in aeroporto alla tariffa migliore.

Purtroppo infatti non è sempre possibile (o conveniente) raggiungere l’aeroporto con i mezzi pubblici: perché non tutti viviamo a Milano o in una città altrettanto servita, perché orari e disponibilità nei giorni festivi ci fanno desistere, o magari perché abbiamo trovato una super offerta per un volo in partenza da un aeroporto che non è quello a noi più vicino. Personalmente utilizzo moltissimo i parcheggi aeroportuali, poiché il tragitto che in auto impiego mezz’ora a percorrere richiederebbe altrimenti oltre un’ora tra macchina, treno ed autobus, e non sarebbe nemmeno conveniente dal punto di vista economico. In più mi capita spesso di spostarmi, dal Veneto, agli aeroporti di Bergamo o Malpensa.

Se come me avete quindi bisogno di confrontare le tariffe dei diversi parcheggi vicini all’aeroporto, vi segnalo un nuovo portale nato in Francia e attivo ora anche in Italia: Onepark.

Onepark funziona come un Booking.com per i parcheggi: si inseriscono aeroporto, data e orario di ingresso ed uscita e si confrontano i costi delle varie offerte. La ricerca è velocissima e sono presenti tutti i principali parcheggi esterni all’aeroporto (più o meno low cost). Si possono confrontare le caratteristiche come distanza dal terminal, tipologia di posto auto, coperto o scoperto, oltre alla disponibilità in alcuni casi di servizio Car Valet.

Onepark parcheggi aeroporto

Una volta selezionato il parcheggio che fa al caso vostro dovrete creare un account o, se siete già clienti, accedere con le vostre credenziali per completare la prenotazione. Il pagamento va effettuato al momento della prenotazione, non ci sono commissioni e la cancellazione è gratuita entro i termini stabiliti da ciascun parcheggio – che vedrete chiaramente indicati prima di concludere il pagamento, in genere fino a 24 ore prima dell’accesso.

Dall’area clienti potrete richiedere anche modifiche di orario/giornate, da verificare con l’effettiva disponibilità. Al momento del viaggio, poi, vi basterà presentarvi al parcheggio con una stampa della prenotazione oppure con la conferma su telefono.

Onepark per ora è attivo nei principali aeroporti italiani, come Milano, Venezia, Roma, Bologna e molti altri. Non solo, sono presenti anche parcheggi di stazioni, porti e centri città, perciò potrebbe esservi utile anche se non partirete in aereo ma treno o nave.

Se state programmando il prossimo viaggio e vi serve un parcheggio in aeroporto, fino al 27 ottobre c’è uno sconto del 10% su tutte le prenotazioni dei nuovi clienti Onepark.

Confrontare parcheggi aeroporto
Footer

Parcheggi aeroporto low cost: come cercare e prenotare al prezzo migliore
MangiaViaggiaAma

Leggi alla Fonte

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi